Prima della fine dell’estate al via i lavori al Piano di Rio

Si ripristina la strada chiusa per le sinkhole. Soddisfazione di Provincia e Comune di Rio

La Provincia ha avviato la procedura per l’affidamento dei lavori sulla SP 26 del Piano, all’Elba, relativi al ripristino del tratto interessato dal fenomeno di sprofondamento.

Pubblicate sulla piattaforma Start della Regione le lettere di invito alla procedura negoziata, le imprese avranno tempo fino all’8 agosto, nei termini indicati, per presentare le offerte, con l’auspicio di poter consegnare i lavori addirittura i primi di settembre.

Si tratta dell’intervento riferito al primo lotto funzionale di lavori – sottolinea Andrea Solforetti, dello staff di supporto alla presidente della Provincia di Livorno per le questioni elbane – che riguarda il tratto attualmente chiuso, fino al ponte del Villaggio Togliatti. L’opera è finalizzata a recuperare la funzionalità della strada per consentire la riapertura al transito”.

I lavori prevedono la realizzazione di una struttura superficiale (soletta in cemento armato) con zone di appoggio diffuse, simile a quella già realizzata dalla Provincia nel 2013, che infatti viene integrata nell’opera.

In sostanza, nel caso si verificassero ulteriori sprofondamenti sotterranei, la soletta permette di ridurre sensibilmente il rischio di cedimenti della carreggiata, proprio perchè costituisce una struttura portante continua.

L’importo complessivo dell’appalto ammonta a 788.319 euro. “Oltre al finanziamento regionale – aggiunge Solforetti – la Provincia ha integrato la copertura delle spese con fondi propri, per circa 268.000 euro, per far fronte all’aumento dei costi dei materiali. Contiamo di dare inizio ai lavori nel mese di settembre”

“Sono molto soddisfatto – commenta il sindaco di Rio Marco Corsini –  di questo decisivo passo in avanti, che è la dimostrazione ormai definitiva che la strada entro pochi mesi sarà di nuovo aperta e percorribile, cosa di cui del resto io non ho mai dubitato.

Nonostante il forte impegno di tutti noi, c’è comunque voluto molto tempo da quando è stata presa l’iniziativa di dare impulso alla soluzione di un problema che rischiava di diventare irrisolvibile; e ringrazio la Provincia per l’impegno e l’efficienza messi in questa direzione e per la forte accelerazione impressa. Come ringrazio la Regione per la sensibilità dimostrata nell’assicurare le risorse economiche necessarie.

Finalmente il territorio potrà vedere sanata una ferita davvero insopportabile. Ora attendiamo con impazienza il gran giorno della riapertura, certi che per noi sarà un giorno storico”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Ripristinato da TIM l’antico sentiero di Rimercoio

Era stato danneggiato da dei lavori, risistemato con materiali e tecniche originali

“Stradello 10” di Wild Food Giglio è il vincitore di Upvivium

La conclusione dell'edizione 2022 del concorso enogastronomico dell'Arcipelago Toscano

Disponibili al pubblico i bagni pubblici all’Isola di Pianosa

Costati circa 100mila euro, realizzati dal Parco in collaborazione col Comune di Campo