Morti in corsia, depositato il ricorso: si andrà in Cassazione

Contrariamente a quanto annunciato dalla stampa ci sarà un ultimo grado di giudizio

Fausta Bonino. repertorio

E’ stato depositato dalla  Procura generale di Firenze prima della scadenza dei termini di legge, contrariamente a quanto annunciato dalla stampa nei giorni scorsi,  il ricorso in Cassazione contro l’assoluzione di Fausta Bonino, l’infermiera che fu condannata in primo grado all’ergastolo con l’accusa di aver ucciso quattro pazienti dell’ospedale di Piombino con iniezioni di eparina, ma che  poi era stata assolta in secondo grado dalla Corte di appello. L’infermiera andò a processo per i decessi anomali di dieci pazienti avvenuti in circostanze dubbie tra il 2014 e il 2015 nel reparto a cui era assegnata. “La motivazione della Corte d’appello è carente e manifestamente illogica e contraddittoria”, ha scritto il Procuratore Generale Fabio Origlio che ha fatto ricorso alla Suprema Corte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Goletta Verde: “No al rigassificatore di Piombino”

"Impensabile bloccare un porto turistico e industriale come quello di Piombino"

Protesta rigassificatore, c’era anche delegazione elbana

Centinaia di persone hanno assediato il Comune mentre Giani spiegava la situazione

Strade dissestate, Landi: “Provincia al corrente, intervenga”

Il consigliere regionale della Lega: "Bici e moto a rischio, presentata mozione "