Soccorso in mare, gli interventi del Roan Portoferraio

La Guardia di finanza elbana impegnata a più riprese in soccorsi nel mare dell'isola

La ripresa delle attività economiche che riportano, di fatto, alla normalità la vita dei toscani e dei numerosi turisti
anche stranieri, ha come diretta conseguenza il naturale sovraffollamento delle acque prospicenti le maggiori
località turistiche italiane. Il mare, infatti, in questi ultimi giorni, è costellato da imbarcazioni di ogni classe e
tipologia intente a recuperare gli spazi e il tempo perso negli ultimi due anni. Proprio la necessità di ritorno alla
normalità, però, spesso è accompagnata da momenti di emergenza e di “impieghi su chiamata” che le Forze
dell’Ordine unitamene al Corpo delle Capitanerie di Porto riscontrano, celermente, per la salvaguardia della vita
umana. La Guardia di Finanza, nelle nuove vesti di referente per la Sicurezza in mare all’indomani delle
intervenute modifiche normative del 2017 che la identificano quale unica Forza di Polizia in mare, risponde in tal
senso in questa tipologia di concorso ed in particolare in Toscana dove l’arcipelago delinea un’area ampia anche
caratterizzata da aree protette. I reparti navali della Stazione Navale di Livorno, ed in particolare la Sezione
Operativa Navale di Portoferraio,  negli ultimi periodi sono intervenuti in diverse operazioni di soccorso nel mare
dell’Elba. In particolare, un turista è stato soccorso e messo in salvo mentre a bordo della sua imbarcazione in
avaria, in balia dei marosi, era prossimo alla scogliera di Porto Azzurro. Un altro intervento si è reso necessario
per assicurare alle cure mediche dell’Ospedale di Portoferraio una studentessa lombarda in gita sull’isola di
Pianosa, vittima di un incidente per il quale si era procurata la frattura del gomito, la contusione del ginocchio e
diverse escoriazioni. Anche nel corso della giornata di giovedì 8 giugno, il gommone della finanza ha tratto in
salvo una famiglia di tedeschi a bordo di un catamarano in avaria, che con i motori in completa avaria, aveva
lanciato una richiesta di soccorso perché in balia del forte vento in prossimità della scogliera di Capo Stella. Le
diverse operazioni poste in essere dai finanzieri di mare di Portoferraio si inseriscono nell’alveo della più ampia
azione di vigilanza e prevenzione di controllo del territorio a garanzia della sicurezza della collettività marittima.
È sempre però auspicabile un’attenta pianificazione della navigazione da intraprendere ed assicurarsi, soprattutto
in occasione di gite fuori porta, che l’unità sia perfettamente manutenuta ed equipaggiata opportunamente per la
sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Acqua razionata a Marciana Marina, divieto uso improprio

Vietato l'uso per scopi diversi da quelli igienico-domestici fino al 15 settembre

Samuele e Tito primo binomio nel soccorso nautico

 Hanno conseguito il brevetto di Unità Cinofila Operativa CSEN con grande successo