Grande successo per “I misteri di Porto Longone”

La versione "drammatizzata" in scena nel Chiostro del Centro Culturale De Laugier

Grande successo di pubblico, con applausi a scena aperta, giovedì scorso, per la lettura recitata del giallo elbano “I misteri di Porto Longone” messa in scena nel chiostro del Centro Culturale De Laugier a Portoferraio dalla Compagnia de Calza “I Antichi”.

In scena gli stessi autori del racconto, Roberto Bianchin nella parte del protagonista (l’anatomopatologo Duilio Maria Biani Smighi; nella vita reale, il medico pediatra Duilio Biani presente in sala) e Luca Colferai (il commissario Balestrini). I due interpreti scrittori erano affiancati dall’attore veneziano Piero Fontana (come Antonio Arrighi) e da tre attori elbani: Leonello Balestrini (nella parte del narratore), Manuela Cavallin (la contessa Lorena de Castilla y Leon), Marino Sartori (com Marcello Bargellini). Lo spettacolo è stato elegantemente contrappuntato dalle immagini, dell’isola e del racconto, sapientemente raccolte e montate da Piero Fontana; assistente alla regia e allestimento luci e audio Arnaldo Gaudenzi (Argasoft).

Tra il pubblico citiamo, spettatrice ammirata, l’assessora alla cultura di Portoferraio, Nadia Mazzei; l’attore Renzino Fabbri; l’imprenditore Marcello Bargellini, che ha promosso anche l’edizione in formato audiolibro del testo tra poco disponibile (e sta anche per rendere pubblico a breve un cortometraggio basato sui “Misteri”). Al termine un brindisi benaugurante con i vini offerti da Antonio Arrighi, che nel racconto origina involontariamente, con le sue ricerche enologiche, il giallo storico.

Come ben sanno i molti lettori, il racconto è ambientato nei più bei luoghi dell’Isola d’Elba ed è popolato di persone realmente esistenti, che interpretano nel libro i vari personaggi di fantasia. Sono una trentina i cittadini dell’Elba presenti a vario titolo nel romanzo, alcuni a interpretare sé stessi, altri a trasformarsi in personaggi di fantasia. La storia, di amore e morte, passione e ambizioni politiche, affonda le sue radici nel periodo napoleonico dell’Elba, con una narrazione (come ha scritto lo storico elbano Giuseppe Massimo Battaglini) “in cui se non tutto è vero, molto è verosimile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

“Vi racconto come il nostro ospedale mi ha salvato la vita”

Il ringraziamento di un addetto ai lavori che testimonia l'efficienza della nostra sanità

Allegra e Carola, quando sport e amicizia vincono le paure

Il racconto di una mamma rivela una storia davvero importante e commovente

Hanna e i suoi bambini, fuggiti dalla guerra e accolti a Rio

Il viaggio, l'ospitalità a Rio Marina, gli aiuti del Comune. Un sogno: che la guerra finisca