La novità

Gli Albergatori referenti di Confcommercio Elba, c’è l’accordo

La Confederazione Generale Italiana delle Imprese elbana passa all’associazione

Stamattina mercoledì’ 4 maggio, a Portoferraio si sono incontrati i vertici della Confcommercio imprese per l’Italia della provincia di Livorno, detentrice del marchio Confcommercio, e i vertici dell’associazione albergatori dell’Isola d’Elba per stipulare un accordo che sancisce un impegno di scambio di servizi e professionalità che saranno dopo la sigla dell’accordo, a disposizione di tutti gli operatori del commercio, del turismo e dei servizi dell’isola d’Elba che intenderanno usufruirne. In poche parole il marchio Confcommercio sarà utilizzato dall’associazione albergatori che nominerà presto un referente per tutte le istituzioni e che si occuperà dei servizi offerti da Confcommercio e dei rapporti con i soci. Un matrimonio fra le due associazioni, che mette a sistema le gia consolidate esperienze di entrambi le parti. Da una parte, sessanta anni di vita per gli albergatori, l’associazione più importante del territorio, che nel tempo oltre alle strutture ricettive ha in seno anche agenzie di viaggio, attività per la somministrazione di alimenti e bevande e del commercio, dall’altra Confcommercio, che è la più grande rappresentanza associativa in Europa. In Toscana Confcomercio rappresenta 50 mila imprese. Assistiamo dunque alla nascita di una super associazione che avrà un unico rappresentante sul territorio. Nessuna conferma da parte degli interessati a questa notizia ma anche nessuna smentita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Grande partecipazione al Webinar “Fondo Impresa Donna”

Confcommercio: "importanti risorse destinate ad imprenditrici e professioniste"

Suolo pubblico: Confesercenti approva proroga a Portoferraio

Bargellini: "Consentirà agli operatori di avere concessione ampliata fino al 31 ottobre"

L’aumento delle bollette impatta sul 95% delle imprese

Su anche materie prime e carburanti le aziende temono di dover fermare l’attività