/ LE FOTO

La presenza straordinaria di due “Pegaso” all’isola d’Elba

Un evento che fa ripensare alla opportunità di una base elbana per l'elicottero del 118

Lunedì 2 maggio è stato un giorno di grande traffico aereo a livello di elisoccorso sull’isola d’Elba. Una coincidenza, ovvio, che ha visto in atto un intervento primario e due secondari sul territorio dell’isola nello stesso giorno, oltre a un paio di chiamate rimaste in standby.

La coincidenza si è concretizzata all’aeroporto di La Pila, che dal 19 aprile – a causa dell’indisponibilità per lavori della piazzola sull’ospedale di Portoferraio – ospita gli atterraggi diurni dei “Pegaso” della Regione. Poco dopo le 17, infatti, si sono ritrovati ospiti dello scalo elbano sia il Pegaso 2, di stanza a Grosseto, che ordinariamente opera sull’isola, che il Pegaso 3, che parte dalla base del Cinquale (Massa) ed interviene in caso di necessità anche sull’isola.

Un evento significativo ma non eccezionale, se si pensa che (gli ultimi dati disponibili sono del 2020) sull’Elba ci sono 190 interventi all’anno dell’elisoccorso.

Un evento, semmai, che al di là della sua particolarità fa pensare ancora una volta alla opportunità da parte della Regione Toscana di stabilizzare una base operativa con un elicottero del 118 anche all’Elba.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Sanità, proclamato sciopero per venerdì 20 maggio

Saranno garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della Sanità

Un nuovo farmaco per curare l’artrite psoriasica

Se ne parla a Pisa al congresso Ponterauma 2022. Relatore il dottor Cecchetti

Medicina dello sport, Fabio Scotto nel gruppo di cammino

Il nuovo referente per l'Isola d'Elba, sarà presente all'appuntamento del 12 maggio