Raccolta del latte materno, in 2 mesi sono 6 le donatrici

Possono donare tutte le mamme che producono più latte rispetto ai bisogni del bambino

A due mesi dalla partenza del servizio di donazione del latte materno sono già sei le donne elbane che hanno deciso di aderire al programma permettendo la raccolta di circa due litri di “oro bianco”. “Le donne elbane – dice Federica Cetica, coordinatrice ostetriche Area materno Infantile e Consultorio Elba – hanno dato ancora una volta prova della loro grande generosità e siamo convinte che nei prossimi mesi potremo ulteriormente incrementare la raccolta. Di questo risultato, oltre ovviamente alle mamme donatrici, vorrei ringraziare il dottor Giuseppe Maiorino, pediatra referente medico della Banca del Latte Umano Donato (BLUD) dell’Ospedale Versilia che per primo ha creduto nella possibilità di estendere all’Elba il servizio, la referente aziendale delle banche del latte e coordinatrice infermieristica della BLUD Versilia Sandra Bianchini, il responsabile del centro trasfusionale di Portoferraio, Michele Tararà e la coordinatrice infermieristica del servizio Paola Galeazzi, l’ostetrica Chiara Ercolani che si è occupata in prima persona di tenere i contatti con le donne e gestire il complesso percorso di trasporto dall’Elba al Versilia e tutte le persone che si sono spese nell’opera di sensibilizzazione e coinvolgimento delle possibili donne interessate”.

La donazione di latte è un gesto semplice, ma importante perché può aiutare a guarire e in certi casi addirittura a salvare bambini con particolari fragilità. Le donne elbane dal marzo scorso possono contribuire a sostenere la raccolta e redistribuzione negli ospedali della Regione Toscana, come sostituto del latte materno, prioritariamente per la nutrizione dei neonati pretermine, ma anche di altri piccoli pazienti ricoverati nelle Terapie Intensive (TIN) affetti da particolari patologie. Le proprietà nutrizionali, protettive, stimolanti del latte materno risultano ancora più evidenti quando assunto dai bambini più vulnerabili.

Come donare. Possono donare tutte le mamme che producono più latte rispetto ai bisogni del loro bambino dopo aver effettuato un breve colloquio e gli esami infettivologici. La mamma che decide di donare, riceverà a domicilio, o presso il punto di raccolta concordato telefonicamente, le istruzioni da seguire e tutto il necessario (tiralatte, biberon, ecc.) per estrarre e conservare correttamente il proprio latte che sarà ritirato dal personale delle Banche. Il latte donato viene inviato alla Banca del Latte dell’ospedale Versilia, dove viene processato e distribuito nelle varie neonatologie. Si dona la quantità di latte ragionevolmente possibile e per il tempo desiderato. Ogni goccia è importante, specialmente se la mamma donatrice ha partorito da poche settimane, per le particolari caratteristiche che il latte ha in questa fase del puerperio.

Per maggiori informazioni è possibili rivolgersi alle ostetriche e alle infermiere dell’ospedale elbano oppure al consultorio di Portoferraio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

“A piccoli passi”, la nuova attività del Centro per le Famiglie

Tutti i giovedì di giugno in biblioteca, l'iniziativa di Comune di Rio, ASL e coop Arca

Servizio 118, assunti 27 infermieri dall’Azienda Usl

Per il momento non risultano in arrivo rinforzi per la zona Elba. Il piano aziendale

Mancano infermieri per l’ospedale, l’allarme del NurSind

“Il sistema è in crisi, per i sanitari è difficile trovare anche l’alloggio servono incentivi”