Carabinieri, operazione antidroga con l’unità cinofila

Denunce per spaccio e segnalazioni per assunzione di stupefacenti, il bilancio

Nella mattina di ieri, lunedì 13 maggio,  i Carabinieri di Portoferraio hanno eseguito una serie di controlli antidroga nell’area interessata dal capolinea dei mezzi ATL che trasportano per lo più studenti in arrivo dai vari comuni dell’Isola per raggiungere gli Istituti scolastici superiori. In campo anche l’unità cinofila dell’Arma con il pastore tedesco “TITAN”, cane dalle abilità olfattive finissime e capace di intercettare anche piccolissimi quantitativi di quelle sostanze proibite che purtroppo sono spesso usate dai più giovani. Le verifiche hanno riguardato tutti i mezzi del trasporto urbano ed extraurbano. Gli studenti di età diverse, fra i 15 e 18 anni, dopo essere scesi a piccoli gruppi dal mezzo hanno permesso all’animale di svolgere la sua attività di ricerca di sostanze che, sovente purtroppo sono presenti anche negli ambienti scolastici fra i più giovani.
Il lavoro di Titan cane antidroga condotto dall’unità cinofila del Nucleo Carabinieri San Rossore che ha partecipato alle operazioni, è stato determinante per il rinvenimento di sostanza stupefacente. Durante il controllo a bordo di uno dei mezzi addosso a un giovane studente sono stati rinvenuti grammi 9.70 di “hashish” verosimilmente pronti per essere utilizzati all’interno della scuola. Lo studente è stato segnalato alla Prefettura di Livorno quale assuntore.
L’attività svolta ieri a Portoferraio rientra comunque in una serie di iniziative tese alla prevenzione che costituiscono parte integrante del più ampio programma “Cultura della Legalità” che ormai, quasi annualmente, viene presentato dai militari dell’Arma in tutte le scuole di ogni ordine e grado.
A tal riguardo anche quest’anno i Comandanti delle Stazioni Carabinieri dell’Elba hanno proposto nel corso degli incontri i temi di grande attualità e di interesse per gli studenti di tutte le fasce d’età: il bullismo, la sicurezza sulle strade, l’uso consapevole dei social network, la piaga degli incendi boschivi, l’abuso nel consumo delle bevande alcoliche e, appunto, il consumo di stupefacenti.
Nei prossimi giorni e comunque fino alla fine dell’anno scolastico, i carabinieri – sia in servizi preventivi che repressivi con attività di polizia giudiziaria – continueranno le loro attività di controllo anche all’esterno dei plessi scolastici, operando verifiche improntate a tutelare della salute degli studenti.
Questo tipo di controlli sono periodicamente svolti dai carabinieri non solo per sanzionare i trasgressori quanto per prevenire la diffusione dell’uso di stupefacenti fra i più giovani e ricordare loro che l’uso delle sostanze compromette la salute ed è foriero di conseguenze di rilievo amministrativo e talvolta penale.
Nel corso del medesimo servizio antidroga, dai controlli effettuati sempre con il contributo operativo dell’unità cinofila Titan dei carabinieri, altre due persone di giovane età di origine straniera sono state trovate in possesso di stupefacenti destinati ad uso personale. Si tratta di un ventitreenne di origini marocchine nella cui disponibilità è stato ritrovato circa grammi 1 sostanza “pulverulenta” del tipo cocaina e di un trentatreenne di origini calabresi residente sull’isola da tempo nella cui disponibilità sono stati rinvenuti circa grammi 3 di sostanza di cocaina. A loro carico è scattata la segnalazione alla Prefettura quali assuntori di stupefacenti.
Non è andata meglio ad altri due isolani, un quarantaduenne e un cinquantaquattrenne nella cui disponibilità, presso le loro abitazioni sono stati rinvenuti oltre a sostanza stupefacente rispettivamente circa grammi 130 e grammi 70 “marijuana” anche ulteriori elementi significativi a dimostrare che quella sostanza era destinata anche alla cessione a terzi, in particolare: un bilancino, ritagli di carta x confezionamento, coltelli intrisi e un trita-erba.
Al termine dei controlli costoro sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria di Livorno ritenuti responsabili di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

In esito al medesimo servizio – svolto ad ampio spettro e teso alla prevenzione e repressione dei reati in genere – i Carabinieri della Compagnia di Portoferraio hanno altresì denunciato alla Procura labronica, un ventiseienne originario della provincia di Bolzano per il porto di coltello al di fuori dell’abitazione senza giustificato motivo. Costui infatti è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico avente una lama di cm 7 senza essere in grado di fornire motivazioni.
Le attività di controllo hanno ricompreso anche vari posti di controllo, nel corso dei quali sono state identificate circa una ventina di, controllati 12 veicoli e 3 soggetti sottoposti a misura cautelare o di prevenzione. La massiccia presenza sul territorio ha avuto anche la funzione preventiva di disincentivare eventuali malintenzionati e proseguirà anche in futuro. L’attenzione della Compagnia Carabinieri di Portoferraio rimane alta e costante sull’intero territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Taglia le tamerici di Galenzana, denunciato dai Carabinieri

La specie è stata completamente eradicata, l'uomo individuato grazie a testimonianze

Anziana colta da malore in chiesa, interviene l’elisoccorso

La donna soccorsa col defibrillatore e trasportata nel parcheggio dove è atterrato Pegaso

Maltrattamenti alla ex, imprenditore allontanato dall’isola

L'uomo denunciato per comportamenti vessatori e violenze. Indagini ancora in corso