Roma cittร  aperta di Rossellini proiettata in biblioteca

Mercoledรฌ 17 aprile alle 17 la proiezione e il cineforum nella biblioteca comunale

๐— ๐—ฒ๐—ฟ๐—ฐ๐—ผ๐—น๐—ฒ๐—ฑรฌ ๐Ÿญ๐Ÿณ ๐—ฎ๐—ฝ๐—ฟ๐—ถ๐—น๐—ฒ ๐—ฎ๐—น๐—น๐—ฒ ๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ ๐Ÿญ๐Ÿณ,๐Ÿฌ๐Ÿฌ proietteremo l’iconico capolavoro del Neorealismo italiano: ๐—ฅ๐—ผ๐—บ๐—ฎ ๐—ฐ๐—ถ๐˜๐˜ร  ๐—ฎ๐—ฝ๐—ฒ๐—ฟ๐˜๐—ฎ di Roberto Rossellini.

Durante l’occupazione nazista di Roma, la polizia tedesca รจ sulle tracce di un ingegnere legato alla Resistenza, Giorgio Manfredi, che riesce a sfuggire alla perquisizione nel suo appartamento e si rifugia in casa di Don Pietro, un parroco di periferia attivo nella lotta contro l’oppressore.

Il film ebbe una vita difficile sin dall’ideazione, e ancor piรน travagliata durante la fase produttiva. D’altronde, non poteva accadere diversamente per un film realizzato mentre in Italia infuriava ancora la guerra (fu iniziato la notte tra il 17 e il 18 gennaio 1945).

La pellicola vinse la Palma d’oro al primo Festival di Cannes, nel 1946, e il Nastro d’argento, nello stesso anno, per il miglior film e per la migliore attrice non protagonista, Anna Magnani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Un corso per formare personale della Protezione Civile

Formazione antincendio per il personale della Gestione Associata Elba Ovest

Finanza di mare sequestra sistema di ormeggio a Galenzana

Ben 5500 metri quadrati di ormeggi abusivi, denunciata imprenditrice sessantenne