Il caso dei pazienti oncologici, sono arrivate le scuse

Si sarebbe trattato di un malinteso, al quale è seguito un chiarimento. La storia

Sembra ridimensionarsi grazie ad un chiarimento verbale la questione dei pazienti oncologici elbani rimasti a piedi sul porto di Piombino nella giornata di lunedì 26 febbraio.

E’ la stessa persona che aveva denunciato sui social l’accaduto a far sapere di essere stata cercata dalla addetta alla biglietteria di Moby-Toremar nella giornata di mercoledì 28 febbraio.

“Ho appena finito di parlare con la signora della biglietteria  – racconta – che mi ha contattata,  dispiaciuta dell’accaduto.  Quella di lunedì 26 febbraio è stata una brutta giornata per tutti. Mi assicura di non aver risposto male. Probabilmente il nervosismo e la tensione ha giocato un tiro mancino e contributo a far si che si creasse il malinteso. Mi ha assicurato di capire bene la situazione e proprio in considerazione di questo non si sarebbe mai permessa di dire quella frase come è stata interpretata”.
“Ho tenuto a spiegare la condizione degli elbani esasperati dalle mille criticità e soprattutto dalla condizioni che devono affrontare i nostri malati oncologici. Abbiamo avuto un confronto educato e ci siamo salutate augurandoci che non si ripetano altri spiacevoli episodi. Con questo chiuderei questa storia. Almeno una volta però uno sfogo è servito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Autolinee Toscane: “i cambi di orario non li decidiamo noi”

La risposta al cittadino di Rio Elba: "Le decisioni le prendono Enti Locali e Regione"

Incontro fra marittimi e presidente del Consiglio Regionale

Si è tenuto sulla Stelio Montomoli, preoccupazione per tagli a personale e servizi

La mappa dei redditi: Isola d’Elba sotto la media nazionale

I dati del MEF. La più ricca (si fa per dire) è Portoferraio, in Italia comanda Portofino