Abusivismo edilizio all’Elba, anche dentro l’area protetta

Legambiente si complimenta per la scalinata abusiva sugli scogli scoperta all'Enfola

Legambiente Arcipelago Toscano si complimenta con la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Portoferraio per la brillante operazione che ha portato alla scoperta di un incredibile abuso all’interno del Parco Nazionale e a poca distanza dalla sua sede centrale. Un abuso che, oltre alle norme del Parco, viola anche la normativa nazionale e le Direttive europee Habitat e Uccelli, visto che l’Enfola fa parte della Zona speciale di conservazione (ZSC) e della Zona di protezione Speciale (ZPS) Monte Capanne – Promontorio dell’Enfola.   

Il clamoroso intervento della Guardia costiera fa seguito a un altro abuso denunciato nel Parco nel Comune di Capoliveri e Legambiente in questi ultimi anni ha più volte denunciato interventi illegittimi in diverse zone dell’area protetta, a cominciare da Galenzana-Capo Poro. E’ evidente che all’Isola d’Elba – anche all’interno del Parco Nazionale – c’è una ripresa dell’abusivismo edilizio che si presenta anche in forme di clamorosa prepotenza, contando su un’impunità che fortunatamente a volte viene smentita dall’intervento delle forze dell’ordine. E’ evidente – come confermato dall’ultimo comunicato congiunto Ente Parco – Carabinieri Forestali – che di fronte a questo attacco alla bellezza dell’Elba le forze che dovrebbero contrastarlo sono insufficienti. Per questo torniamo a rivolgere al governo e al Parlamento un appello perché si rafforzi in uomini e donne e si finanzi in maniera sufficiente e efficace la preziosa attività delle Forze dell’Ordine che sono designate a tutelare il territorio e il mare del Parco Nazionale Arcipelago Toscano.  

2 risposte a “Abusivismo edilizio all’Elba, anche dentro l’area protetta

  1. Edoardo Seghi Rispondi

    Le scale non sono in cemento ma in legno, semplicemente appoggiate sulla roccia e non fisse, rimovibili in un quarto d’ora. Lo posso dire perché sono stato sul posto. È doveroso verificare le notizie con tutti i veri particolari.

    18 Febbraio 2024 alle 8:57

  2. Annamaria Cazzaniga Rispondi

    Certo che era difficile scoprire una scala in cemento!!!! Quando l’hanno costruita? Di notte? Nessuno sapeva? Cosa mi dite dello scempio che sta avvenendo a Zuccale? Tutto regolare vero?

    17 Febbraio 2024 alle 12:48

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

La GTE diventa un “cammino”, il comune di Rio capofila

La proposta riguarda la richiesta alla Regione Toscana per il riconoscimento ufficiale

Partiti i lavori di manutenzione dal centro alla periferia

Verde pubblico, cartellonistica ma anche nuovo sistema di pulizie delle vie

Per la Grande Traversata Elbana un cammino condiviso

Dai workshop organizzati da Legambiente e Parco Nazionale un percorso unitario