Procchio / le foto e il video

Avviata la messa in sicurezza del fosso di Vallegrande.




Barbi: "Importante traguardo per passare alla riqualificazione dell'area ex "ecomostro"

Un ulteriore tassello va ad aggiungersi alle attività preliminari per la riqualificazione dell’area ex “Ecomostro” a Procchio. Si tratta del progetto per la messa in sicurezza di parte del tracciato del fosso di Vallegrande.
“Sin dall’inizio del suo mandato questa Amministrazione aveva avviato i contatti sia con la proprietà che con la Regione Toscana  – si legge in una nota del comune di Marciana – per capire quali fossero i passi necessari e le rispettive competenze per risolvere le problematiche dell’area interessata”. 
Da una serie di incontri tra gli amministratori marcianesi,  assessori e  tecnici della Regione Toscana e la società proprietaria dell’area Centro Servizi, emerse che la priorità era quella di spostare le macerie (derivate dalla demolizione dell’”Ecomostro”) dal tracciato del fosso di Vallegrande in modo che la Regione  potesse procedere con i sopralluoghi per predisporre la progettazione delle opere per la messa in sicurezza del fosso.
Inoltre, si rendeva necessaria l’attuazione di una campagna mobile che trasformasse i “calcinacci” in residuo inerte adatto al riuso.
”Tutto ciò ha coinciso con il periodo Covid che, oltre a rallentare le comunicazioni tra i vari soggetti, ha rallentato anche l’esecuzione delle azioni  – si legge ancora – dato che la proprietà era ferma coi lavori ed era impossibilitata a farli nell’immediato.
Nonostante ciò, la determinazione dell’Amministrazione ha fatto sì che le macerie fossero spostate dalla proprietà come richiesto, permettendo alla Regione Toscana di avviare la progettazione per la messa in sicurezza del fosso. Nel 2022 i circa 1000 metri cubi di macerie sono stati quindi trasformati grazie ad una campagna di recupero mediante impianto mobile autorizzato che ha prodotto residuo inerte certificato che servirà alla realizzazione dei sottofondi di costruzione per i parcheggi, marciapiedi e sottofondo stradale all’interno del lotto”.
Il sopralluogo fatto a Procchio recentemente dai tecnici del Genio Civile Valdarno Inferiore e Costa della Regione Toscana era quindi inerente alla messa in sicurezza del fosso di Vallegrande.
Presenti al sopralluogo il Sindaco Simone Barbi, l’Assessore ai Lavori Pubblici Mazzei e i Consiglieri di Procchio Isabella Zolfino e Pietro Mazzei, e l’ingegner Vecchi, Responsabile dell’Area 3 – Lavori Pubblici e Ambiente del Comune di Marciana, e i responsabili di area di ASA Spa e di Enel Distribuzione. “Questa fase rappresenta un importante traguardo per la vicenda dell’ex ”Ecomostro” e consentirà, una volta completata, di proseguire con la fase successiva” terminano dall’amministrazione di Marciana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

23 Febbraio, la Grande Traversata Elbana e altri cammini

A Marciana Work Shop su futuro e organizzazione del turismo lento all’Isola d’Elba

Abusivismo edilizio all’Elba, anche dentro l’area protetta

Legambiente si complimenta per la scalinata abusiva sugli scogli scoperta all'Enfola

Parco nazionale, nasce il Festival “La Natura al Centro”

Eventi e conferenze nelle isole di Elba, Capraia e Giglio. Il programma degli incontri