Il nostro Ordine del Giorno contro la violenza sulle donne

di Massimo Scelza

Durante il consiglio comunale di Portoferraio del 21/11/2023 ho presentato un ordine del giorno, approvato all’unanimità dall’assemblea, che impegna il sindaco e la giunta “ad attivarsi in tutte le sedi opportune al fine di sollecitare il Governo ed il Parlamento ad emanare una disciplina nazionale che preveda l’inserimento, in modo uniforme sull’intero territorio nazionale, della materia dell’educazione all’emotività, all’affettività e alla sessualità all’interno della programmazione didattica delle scuole primarie e di quelle secondarie di primo e secondo grado con l’obiettivo di facilitare lo sviluppo delle competenze emozionali, relazionali e sessuali necessarie per affrontare efficacemente e in modo sano le proprie relazioni interpersonali nel corso della vita, improntate al rispetto di sé e degli altri.”
Il voto unanime del consiglio comunale ribadisce la necessità di intervenire, fin dai primi anni di scuola ed in tutto il territorio nazionale in modo uniforme, per educare i ragazzi al rispetto di tutti, con particolare attenzione alla sfera emotiva ed alla sessualità e lo fa con una unica voce, un impegno collettivo che superi le distanze ribadite anche in questi tristi giorni.
Questa presa di coscienza comune della necessità di educazione ai propri sentimenti è anche un tentativo di fornire una risposta, finalmente culturale, ai fenomeni di femminicidio che continuano con numeri allarmanti. Dietro a quelli anche le tante violenze sulle donne, più silenziose e subdole ma altrettanto dolorose. Un atto importante nella settimana del 25 novembre, giornata contro la violenza sulle donne.

Una risposta a “Il nostro Ordine del Giorno contro la violenza sulle donne

  1. Mario Rispondi

    I sentimenti non si educano

    24 Novembre 2023 alle 10:59

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Pasquale, il mio carissimo nemico

di Umberto Mazzantini

Una proposta di legge regionale per il fine vita

di Comitato  proposta legge regionale LIBERI SUBITO