/ PORTOFERRAIO

“Volevo organizzare manifestazione, non è stato possibile”

"Sarebbe stata una tre giorni di intrattenimento in occasione dello Sbaracco". La storia

Voleva organizzare  una manifestazione per animare la via in occasione dell’imminente Sbaracco ma non è stato possibile.  Riccardo Falcone titolare de “La Tana del Falco” aveva proposto una tre giorni di intrattenimento serale con cabaret, giochi per bambini e  con attrazioni. “Poi  – fa sapere l’operatore commerciale – dopo un confronto con l’amministrazione comunale e i vigili urbani era stato concordato di organizzare  una sola serata, quella con  un toro meccanico, ma neanche questa è andato a buon fine” . “Il comune non doveva sostenere nessun costo – commenta Falcone – era già tutto coperto dagli sponsor  ma ci sono stati problemi o fraintendimenti con i permessi e con le procedure che ho portato avanti”. Falcone ha portato avanti il percorso con Confesercenti,   l’associazione a cui è  iscritto, che lo ha supportato nell’iter. “Alla fine però non è stato possibile fare niente – dice – sono amareggiato. Ho iniziato a lavorare a questo progetto  a maggio scorso proprio perché tutto andasse per il meglio. La Confersercenti ha tenuto i contatti con il comune di Portoferraio e fin da subito, è apparso chiaro che  la procedura era  complicata  per l’espletamento di permessi,  piani di sicurezza e altri adempimenti”. “Per quanto riguarda la sicurezza – racconta ancora Falcone –  Il Toro meccanico non presenta  nessun pericolo per chi partecipa,  ha tutte le certificazioni e gli accorgimenti  necessari per l’incolumità dei fruitori con tanto di assicurazione, ma alla fine l’evento non ho potuto organizzarlo. Fra lettere, Pec, domande e risposte siamo arrivati alle porte dell’evento e nessuna risposta definitiva”. Falcone non aveva chiesto nessun contributo al comune, solo i permessi necessari nel rispetto delle norme. “Non capisco perché non mi abbiano fatto fare questa manifestazione. Non c’è stata chiarezza da parte del comune o forse solo noncuranza”

3 risposte a ““Volevo organizzare manifestazione, non è stato possibile”

  1. Federica Nassi Rispondi

    Vergognoso, non ho parole, il centro storico è cosparso di tavolini. Va bene accettati durante il Covid, ma ora tutto deve tornare alla normalità ed al buon senso , di cui mi sembra carente tutto il palazzo. Così solo la Casbah gode di deregulation, il resto è un altro comune!

    29 Agosto 2023 alle 17:15

  2. FABIO Rispondi

    PER MASSI74
    STAI TRANQUILLO MASSI NESSUN SENSO UNICO O CHIUSURA IN VIA MANGANARO PER FORTUNA NON CI SONO ANCORA PIZZERIE NAPOLETANE….ANCHE SE DAL CENTRO STANNO AVANZANDO SEMPRE PIU’ SPERIAMO BENE CIAO MASSI

    29 Agosto 2023 alle 9:47

  3. Massi74 Rispondi

    Beh,da questa amministrazione cosa ti vuoi aspettare… Magari però oggi se ne escono con un bel senso unico in via manganaro,da loro è più possibile questo che ottenere un’autorizzazione.

    29 Agosto 2023 alle 8:52

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Sib e Federalberghi Confcommercio sul “caso balneari”

La presidente regionale: "Comune di Rio non ha ancora aperto le buste della gara"

“Anomalie e confittualità” in atto nella Polizia Municipale

La lettera dell'ANVU al sindaco e al segretario comunale: "serve figura apicale stabile"

“Sono vecchi i problemi del Pertini, non solo la pioggia”

Chiusa un’ala della scuola per inagibilità dopo l’intervento dei rappresentanti sindacali