Marciana Marina

Nuovi bagni del circolo della vela, interrogazione al sindaco

di Gruppo di minoranza “Per Marciana Marina”

Dal Gruppo di minoranza “Per Marciana Marina”, riceviamo e pubblichiamo:

In riferimento al comunicato di sabato scorso relativo ai nuovi servizi dell’associazione sportiva dilettantistica Circolo della Vela, presentiamo ai cittadini le interrogazioni rivolte al Sindaco per le quali si richiede risposta scritta e discussione in Consiglio comunale.
Con quale atto amministrativo il vecchio manufatto in uso al Circolo della Vela fu autorizzato perennemente e reso legale?

Come è stato possibile per il Circolo della Vela ottenere i permessi di costruzione ed effettuare un cambio di destinazione d’uso del magazzino prefabbricato e amovibile esistente, su suolo classificato a parcheggio pubblico riservato per lo standard portuale? Che rapporto c’è in questo caso tra il Comune di Marciana Marina e l’ASD Circolo della Vela? Non crede Lei, Sig.ra Sindaco, considerato il Suo rapporto di lavoro, di essere in una posizione scomoda per valutare qualsiasi questione riguardante il Circolo della Vela?

Qual è il vantaggio per il Comune e quindi per i cittadini, che invece perdono alcuni posti auto?

Dal momento che l’Ente ha proceduto all’esproprio partendo da valori venali di terreni inedificabili, permettendo al privato di “costruire” su suolo pubblico, non crede il rispettabile Sindaco che ciò possa aprire a un nuovo contenzioso sul reale valore dei terreni? Le chiediamo, inoltre, se il contenzioso con le famiglie coinvolte sia risolto o se vi siano dei ricorsi in atto. Se così fosse, come è stato possibile deliberare sub iudice?

Ci risulta che il Circolo della Vela si possa già avvalere di una porzione di fabbricato concesso in comodato d’uso gratuito dal Comune con al suo interno dei servizi igienico-sanitari e utilizzato per la scuola vela come deposito attrezzature. Per quale motivo il Circolo nautico non è stato invitato a riqualificare l’interno dello stabile di Via Oliviero Murzi di proprietà comunale? Oltre a ciò, vorremmo sommessamente conoscere sotto quale Amministrazione è stato registrato e quindi regolarizzato questo comodato di cui beneficia da moltissimi anni il circolo velico.

Dal 1988 fino agli espropri, il Circolo della Vela ha pagato il suolo pubblico al Comune. Come è stato possibile ciò, se la procedura di acquisizione si è conclusa soltanto nel 2020?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Primo appuntamento del M5 stelle dopo le elezioni

Giovedì 20 giugno alle 18.00 al Bar della Centrale l'incontro per conoscere elettori