Portoferraio

Sotto esame della Corte dei Conti i bilanci del comune

Istruttoria sui rendiconti dal 2015 al 2019. Ricostruzione soggetta a contraddittorio

Clima teso in comune a Portoferraio. E’ in atto un controllo istruttorio da parte della Corte dei Conti di Firenze sui bilanci , sono sotto osservazione quelli degli anni 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019. Rendiconti che si riferiscono alla amministrazione precedente ad eccezione di un parte del 2019 ( Angelo Zini e la sua giunta si sono insediati a giugno di quell’anno). Le osservazioni della Corte dei Conti riguardano i risultati di amministrazione dei cinque anni e in particolare si soffermano sulla determinazione della composizione interna e del risultato effettivo di amministrazione, sul mancato riaccertamento ordinario del residuo del ciclo 2015-2019, sull’entità di debiti fuori bilancio non ancora riconosciuti e finanziati, sulla valutazione del contenzioso in essere, sulla conciliazione dei rapporto creditori- debitori con le società partecipate, a cui si aggiungono attivi e passivi derivanti dalla liquidazione dell’ex Unione dei Comuni dell’Arcipelago Toscano, situazione particolarmente insidiosa, complicata e scivolosa “soprattutto per le difficoltà di ricostruzione dei dati”, come ha sottolineato lo stesso sindaco Angelo Zini durante una conferenza stampa convocata per chiarire questa situazione che sta catturando l’attenzione della città. Gli atti arrivano dopo ripetute richieste istruttorie inviate al comune dal 2016 in avanti e che non hanno trovato riscontro nei documenti trasmessi. Per fare un esempio, in tutti e cinque i rendiconti del comune esaminati, emerge un avanzo di amministrazione ma la ricostruzione della Corte dei conti porta invece ad un disavanzo. Dopo anni di rapporti difficili, tra i due enti, la Corte dei Conti nel 2022, ha inviato un’ordinanza istruttoria al sindaco Zini in cui dettava termini perentori per l’invio di documenti ed atti. Ed alla fine, sulla base di quanto sono riusciti ricostruire gli uffici, il comune ha risposto all’ordinanza nel luglio del 2022 con una delibera di consiglio comunale. La magistratura contabile ha operato una ricostruzione della situazione dei rendiconti che ad oggi non può essere ancora considerata definitiva “ma soggetta a contraddittorio” ha specificato il sindaco che non ha fornito dati o cifre di quello che si troverà a pagare (si parla comunque di qualche milione di euro) dato che ha tempo fino al 28 giugno per presentare le controdeduzioni e i chiarimenti richiesti. Nei prossimi mesi quindi si potrà mettere la parola fine e ripartire da un punto fermo. La Corte dei Conti ha evidenziato negli anni “una serie di irregolarità – ha fatto presente il primo cittadino – e anche, in certi casi, la non corretta applicazione di principi contabili”. Fino ad ora gli uffici sono riusciti a rideterminare i risultati di esercizio fino al 2019. Resta ancora da definire come questo va a riflettersi sugli anni successivi e quale è l’effettiva situazione degli equilibri finanziari. “Si è aperto il contradditorio. Quindi dati, importi e cifre non sono quelle definitive – ha puntualizzato ancora il sindaco – alcune cifre sono da rivedere. Non ci sono elementi certi per dire come evolverà la situazione. E’ sicuramente vero che questi fatti alla fine richiederanno un’azione di riequilibrio che sicuramente andrà a pesare sull’Ente, ma oggi non possiamo quantificarne nè l’entità nè come riusciremo farci fronte. Ovviamente questa vicenda potrebbe pesare anche dal punto di vista politico, visto che siamo nella fase finale del nostro mandato – aggiunge il sindaco – Non siamo noi i responsabili di questa situazione, ma non vogliamo fare polemica . Ritengo che non ci saranno danni irreparabili, al termine di questa vicenda, anche se qualche sacrificio forse dovrà essere fatto. Sicuramente non è così che avevamo pensato di terminare il nostro mandato”.

Una risposta a “Sotto esame della Corte dei Conti i bilanci del comune

  1. Giovanni Rispondi

    Non è solo Firenze tutti i comuni specie dove opero io andrebbero commissariati ma con esperti in materia .
    Revisori dei Conti
    Nuclei di valutazione – O.I.V.
    Segretari comunali
    IN MANO AI DIRIGENTI DEGLI ENTI LOCALI
    Politici ignoranti in materia
    E finisco qui
    Grazie

    25 Maggio 2023 alle 12:55

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Controlli dei NAS dei Carabinieri, sanzionati cinque locali

Gli interventi a Capoliveri, Portoferraio e Rio. Effettuati anche sequestri di alimenti

Parcheggio Capo Bianco: si chiude il processo , tutti assolti

Gli accusati erano Mauro Parigi, Giuliano Pardi e i coniugi Enrico Cioni e Raffaella Pucci

Capi d’abbigliamento contraffatti, sequestrati 5000 pezzi

Dalla Guardia di Finanza duro colpo ai fornitori. Valore commerciale circa 2 milioni