Asl: “Fatto tutto il possibile per trovare personale medico”

L'azienda: "Sappiamo bene che ci sono problemi, grazie a tutti coloro che collaborano"

In merito alle recenti polemiche sulla carenza di personale sanitario, l’Azienda USL Toscana nord ovest ribadisce di non aver mai negato le problematiche esistenti e di non aver mai detto che è tutto a posto.

L’Asl è infatti ben consapevole delle difficoltà, comuni al livello regionale e a quello nazionale, e la situazione è costantemente all’attenzione della Direzione, fortemente preoccupata ma anche impegnata a mettere in campo tutti gli strumenti possibili per reperire personale.

In particolare, come noto, la carenza riguarda alcune specialità mediche, e l’Azienda sta attuando una lunga serie di azioni, quelle contemplate dalle normative e compatibili con il funzionamento generale e con gli equilibri del sistema sanitario.

In particolare sono stati pubblicati molti bandi per incarichi professionali e per personale SUMAI (Medicina specialistica convenzionata interna).

Contestualmente sono stati adottati modelli organizzativi a minor “consumo” di risorse mediche, come a titolo esemplificativo il progetto CAL avviato in più zone per il settore della Nefrologia e dialisi.

A livello territoriale sono state attuate, inoltre, azioni di collaborazione e integrazione del personale che hanno permesso di garantire l’assistenza, come avvenuto ad esempio per il lavoro di rete avviato tra Sanità territoriale e Medicina generale nelle Valli Etrusche e per l’attività di Guardia turistica all’Isola d’Elba, assicurata grazie a un accordo con i medici di medicina generale di quella zona.

Intanto, per sostituire gli ex USCA sono stati anche attivati nuovi contratti libero professionali (fino a oggi hanno risposto al bando una ventina di medici).

Nei servizi in cui si è verificata la disponibilità dei professionisti è stata poi applicata la produttività aggiuntiva (attività fuori orario di servizio pagata a termini di contratto).

Si è anche cercata la collaborazione con l’Università, che in alcuni casi ha portato a dei risultati concreti, come l’arrivo di 12 specializzandi per le strutture di Pronto Soccorso o la costante sinergia nel settore materno-infantile.

Certo, tutto questo ancora non basta ma sono e saranno sempre massimi l’attenzione e gli sforzi profusi dall’Asl per arrivare a garantire in ogni ambito territoriale una dotazione organica il più possibile vicina a quella necessaria.

Si coglie l’occasione per ringraziare i tanti operatori socio-sanitari dell’Azienda che – con professionalità e abnegazione, negli ospedali come sul territorio – hanno lavorato e stanno lavorando per assicurare attività efficaci ed efficienti, nonostante le difficoltà.

Si fa nuovamente presente che è volontà prioritaria e sentita della Direzione, come del personale dipendente, reperire nuovi operatori sanitari, pur in un contesto complesso come quello attuale, favorendo anche l’ingresso di tutte le mobilità extraregionali.

In tutti i territori si lavora anche a una semplificazione dei percorsi, in un’ottica di lavoro in rete, di integrazione dei servizi e di sempre miglior utilizzo delle risorse disponibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Portoferraio, TAC di ultima generazione e un nuovo ecografo

L'annuncio della ASL Toscana nord ovest: "Alzare il livello qualitativo delle indagini"

Manifestazione della Fials per i lavoratori della sanità

Pronto soccorso e medicina con la bolla Covd le priorità secondo il sindacato

Chiude la app “Servizi Sanitari Livorno” dal 30 agosto

Le funzioni si troveranno esclusivamente su “Toscana Salute". Ecco come fare