La tradizione

Legambiente, torna la Festa delle Farfalle a Monte Perone

L'appuntamento è previsto per il 2 giugno nell'area picnic. Il percorso è facile

Dopo 2 anni di Pandemia, ritorna in grande stile la tradizionale Festa delle Farfalle organizzata da Legambiente in collaborazione con Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano al Santuario delle Farfalle Ornella Casnati a Monte Perone, al confine tra i Comuni di Marciana e Campo nell’Elba.
L’appuntamento è per giovedi 2 giugno – ritrovo ore 10,30 – all’area picnic di Monte Perone (raggiungibile da Poggio per chi proviene da Marciana e Marciana Marina e da Sant’Ilario e San Piero per chio proviene da Marina di Campo), da dove dopo la firma di una liberatoria, gli escursionisti verranno accompagnati dalle guide di Legambiente, Parco Nazionale, WBA e dai ricercatori dell’università di Firenze lungo il percorso del Santuario delle Farfalle Ornella Casnati, alla scoperta di 60 specie di lepidotteri diurni e della rara flora della montagna elbana.
Un percorso facile – c’è da affrontare solo un breve tratto in salita – sui crinali che aprono lo sguardo verso le isole meridionali e settentrionali dell’Arcipelago Toscano e i Paesi del Marcianese e del Campese, tra il giallo dei cuscinetti spinosi della ginestra desoelana e le viole multicolori dell’Elba, tra pinete e macchia mediterranea e le antiche vie di granito di pastori, carbonai e contadini.
Al ritorno, Legambiente e Parco Nazionale offriranno uno spuntino e un brindisi a tutti i partecipanti.
La partecipazione è gratuita ma occorre prenotarsi entro il 31 maggio a: legambientearcipelago@gmail.com o al numero 3398801478.
Percorso facile, circa 4 Km andata e ritorno. Necessari scarpe adatte, cappellino e acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

A Mola un’estate verde e blu. Piccoli eventi tra terra e mare

"Uno sfizioso calendario" pomeridiano e serale per un numero limitato di persone

“La Provincia ha massima attenzione per le strade dell’Elba”

Sono previsti interventi di manutenzione straordinaria per circa 1.700.000 euro