Fausta Bonino, la fine di un incubo: pubblicata la sentenza

I particolari dell'assoluzione in appello dell'infermiera che ha legami con Rio Marina

Dopo la notizia, la sentenza. Dal 24 gennaio scorso  era nota l’assoluzione della corte di appello Firenze  dall’accusa di omicidio plurimo volontario di Fausta Bonino, l’infermiera finita a processo per i decessi anomali di 10 pazienti avvenuti nell’ospedale di Piombino  tra il 2014 e il 2015.

 La Bonino, originaria di Piombino ma con forti legami con Rio Marina dove abita e vive per lunga parte dell’anno, era stata condannata in primo grado  all’ergastolo accusata di aver assassinato quattro dei suoi pazienti con un’iniezione di eparina.

La pubblicazione della sentenza, oggi, le  restituisce la sua vita che  per sei anni è rimasta come sospesa, prima che le 172 pagine  emesse dalla Corte d’Assise d’appello smontassero pezzo per pezzo le accuse.

Non c’è infatti, secondo la sentenza, nessuna certezza sulla tipologia di farmaco usato, né sulle modalità di somministrazione dell’eparina che avrebbe causato le emorragie mortali ai pazienti dell’ospedale di Piombino. L’accusa si fondava poi su range temporali precisi, ritenuti fondamentali per certificare la presenza dell’imputata al momento della massiccia somministrazione del farmaco anticoagulante, che poi tanto precisi non si sono rivelati. E quello che si definiva un reparto di rianimazione inaccessibile ad estranei  si è scoperto essere invece più che accessibile, da una porta laterale che si apriva con una semplice spinta. Sono questi dunque i motivi principali alla base della decisione dei giudici della Corte d’assise di Appello di Firenze.

Resta da capire se la Procura, che non avrebbe ancora preso una decisione in merito, presenterà ricorso in Cassazione, allungando ulteriormente i tempi di questa vicenda giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"