/ LE FOTO

Maratona dell’Elba, un successo di pubblico e di critica

Grande partecipazione, ottima location a Marina di Campo. Data confermata per il 2023

La prima cosa che emerge, guardando i risultati della Maratona dell’Isola d’Elba, è che è stata davvero una manifestazione transnazionale. Sul podio corridori provenienti da ogni parte d’Italia e non solo, a conferma che ormai la maratona nell’isola toscana si è radicata nel panorama italiano. La prova, inserita nel calendario nazionale Fidal con tutte e tre le sue distanze, ha ritrovato la sua collocazione originale nella seconda domenica di maggio dalla quale mancava da ben tre anni e i concorrenti hanno mostrato di gradire il “ritorno all’antico” affollando la partenza della gara da Marina di Campo.
La maratona ha premiato il favorito della vigilia, quello Stefano Velatta (Maratoneti Genovesi) che ormai si divide fra maratona e ultra con un comune denominatore: la vittoria. Sul traguardo elbano Velatta ha chiuso in 2h42’47” precedendo di ben 4’51” Matteo Anselmi (Atl.Isola d’Elba) che sognava di festeggiare davanti a parenti e amici. Terzo posto per Roberto Foni (Risubbiani 2008) a 9’17”. Il successo femminile è andato a Stefania Pulici (Brontolo Bike) in 2h56’45” che a sorpresa ha preceduto l’ex campionessa italiana Federica Moroni (Gs Gabbi) reduce da una lunga serie di vittorie e che ha impiegato 3 ore esatte. Terza Daniela Leoni (Virtus Groane) a 15’28”.
Nella mezza è arrivata la vittoria di Salvatore Franzese (Atl.Reggio) che in 1h14’02” ha prevalso per 5’55” su Fabrizio Bernardi e per 10’20” su Marco Tripicchio (Cus Parma). Altro successo emiliano fra le donne con Laura Ricci (Corradini Excelsior) prima in 1h28’22” su Sara Trevisan (Audace Noale) a 5’55” e su Antonietta D’Orsi (Pol.Ciociaria A.Fava) a 6’30”. Nella 10 km vittoria addirittura britannica con James Thomson che in 35’28” ha lasciato a 30” Marco Garozzo (Elba Runners) e a 39” Alessio Mazzi (Team Marathon Bike). In campo femminile prima Francesca Cocchi, anche lei Corradini Excelsior, che in 37’12” è stata addirittura quinta assoluta. Alle sue spalle la britannica dell’Elba Runners Sarah Louise a 1’59” e Sara Capri (Atl.Zagarolo) a 8’09”.
La bellissima giornata elbana, condita da un tempo ideale per la corsa, è stata resa possibile dal forte appoggio che la società organizzatrice ha ricevuto non solo dagli enti locali ma anche da tutti i servizi e le associazioni, pienamente felici di ritrovare un evento che ormai fa parte dell’isola e il pensiero va già al 2023, pronti ad accogliere ancora molti più runner.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

‘Giro podistico dell’Elba’, limitazioni e ringraziamenti

La manifestazione parte da Portoferraio alle 16 attraversando le Fortezze Medicee

Porto Azzurro si fa bella per la settima Conquistadores Cup

Centinaia di iscritti e grandi nomi della mountain bike italiana e internazionale al via

Una mostra per ricordare Napoleone e Italo Bolano

Verrà inaugurata il 5 maggio alle ore 18 presso la Telemaco Signorini