Mazzantini ufficializza le dimissioni dal Consiglio del Parco

Nella lettera si parla di "una non condivisione di alcune scelte di politica ambientale"

Dopo le voci e gli annunci, l’ufficialità. Nella giornata di lunedì 2 maggio 2022 Umberto Mazzantini, esponente storico di Legambiente elbana, ha comunicato con la lettera qui allegata le proprie dimissioni dal Consiglio Direttivo del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, ufficializzando così anche le motivazioni che lo hanno portato a questo gesto.

Ecco di seguito il testo integrale della lettera di Mazzantini.

All’attenzione di:

Presidente Parco Nazionale Arcipelago Toscano

Ministro della Transizione ecologica

e p.c.

Presidente Legambiente Nazionale

Presidente Legambiente Toscana

Responsabile Nazionale Aree protette e diversità Legambiente

Presidente Legambiente Arcipelago Toscano

Oggetto: Dimissioni del Consiglio Direttivo del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano

Il sottoscritto Umberto Mazzantini, nato a Marciana Marina il 17 settembre 1957 ed ivi residente in via del Ruotone 2, rassegna le sue dimissioni irrevocabili da componente del Direttivo del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano in qualità di rappresentante delle Associazioni Ambientaliste.

Le dimissioni sono dovute sia a una permanenza del sottoscritto nel Direttivo del Parco Nazionale così prolungata da non essere più procrastinabile che da una non condivisione di alcune scelte di politica ambientale e di mancata tutela della biodiversità da parte del Parco e che vedono una sottovalutazione e ritardi ultradecennali e non comprensibili da parte del ministero della Transizione Ecologica, già ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

Confermando le dimissioni irrevocabili, si invitano le SS.VV. ad avviare immediatamente l’iter per la nomina del nuovo componente delle associazioni ambientaliste.

In fede

Umberto Mazzantini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

L’arrampicata in zona B del Parco, dove nidificano i falchi

Sant'Andrea: Legambiente chiede spiegazioni alle istituzioni interessate

Sicurezza spiagge, un incontro per definire le regole

Non escluso il ricorso al Servizio Collettivo di Salvataggio, suggerito dalla Capitaneria

Cinghiali, “anche questa volta non si risolve niente”

Il comitato per l'eradicazione: "Propongono soluzioni vecchie di 30 anni"