Comunità energetiche, partecipa il Circolo Laudato Si’

L'iniziativa sulla comunità energetica è promossa da Legambiente il 6 maggio

Comunità energetiche.
Il Circolo Laudato Si’ partecipa all’incontro a Marciana Marina
L’iniziativa sulla comunità energetica, promossa da Legambiente (il 6 maggio a Marciana Marina), è
un’occasione per cercare di cambiare la rotta nel campo dell’energia e dell’uso dei combustibili fossili.
Il Circolo Laudato Si’ Elba sarà presente in quanto ritiene che sia necessario avviare processi virtuosi e
collaborare con chiunque voglia agire per affrontare positivamente le cause della crisi ambientale.
Troviamo l’iniziativa in linea con quanto papa Francesco sette anni fa ha scritto nell’enciclica sociale
Laudato Si’ , al cui progetto di ecologia integrale ci ispiriamo. In particolare, il riferimento alle “cooperative
per lo sfruttamento delle energie”, con la certezza che “l’istanza locale può fare la differenza” (1), alla
“partecipazione” informata e alla “sincerità e verità nelle discussioni scientifiche e politiche” (2).
Non è da trascurare il fatto che l’ultima Settimana Sociale dei Cattolici (l’ottobre scorso a Taranto) tra le
“quattro piste di conversione e di generatività futura per le parrocchie italiane” abbia indicato
come prioritaria proprio “la costruzione di comunità energetiche”. Si tratta di “una grande opportunità dal
basso” in favore della transizione ecologica e “allo stesso tempo, rappresentano un’opportunità di
rafforzamento dei legami comunitari” (3).
Circolo Laudato Si’ Elba
circololaudatosielba@gmail.com
(1) “ E’ lì infatti che possono nascere una maggiore responsabilità, un forte senso comunitario, una speciale capacità di
cura e una creatività più generosa, un profondo amore per la propria terra, come pure il pensare a quello che si lascia ai
figli e ai nipoti.” ( LS 179 )
(2) LS 183
(3) “E, allo stesso tempo, rappresentano un’opportunità di rafforzamento dei legami comunitari che si cementano
sempre condividendo scelte concrete in direzione del bene comune. Nell’ottica di una transizione giusta e socialmente
sostenibile le comunità energetiche diventano anche uno strumento di creazione di reddito che può sostenere fedeli,
parrocchie, case famiglia, comunità famiglia e comunità locali come già dimostrato da alcune buone pratiche realizzate
o in via di realizzazione nei territori. Vogliamo che tutte le comunità dei fedeli in tutte le parrocchie italiane avviino un
progetto e diventino comunità energetiche. Sappiamo che abbiamo bisogno di circa 7 gigawatt di nuova produzione da
fonti rinnovabili all’anno se vogliamo raggiungere l’obiettivo di emissioni nette zero nel 2050. Se in ciascuna delle
25610 parrocchie del nostro paese si costituisse almeno una comunità energetica che produce al livello massimo
possibile di 200 chilowatt (o facesse nascere più comunità che arrivano complessivamente a quella produzione di
energia) avremmo dato il nostro contributo con 5,2 gigawatt di nuova produzione da fonti rinnovabili.” ( Conclusioni
della Settimana Sociale dei Cattolici, Taranto 24 ottobre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

“Grazie a De Fusco e Mazzantini per la lettera aperta”

di Lista Civica "Per Crescere Insieme"

Lettera aperta sul porto alla futura amministrazione

De Fusco e Mazzantini: quattro domande per capire, rivolte anche alla lista concorrente

Bonus Idrico Integrativo 2022, in arrivo il contributo

Il 31 maggio scadono i termini per la presentazione della domanda. Ecco come fare