Concessioni Balneari , chi subentra deve pagare chi esce

La proposta di legge regionale prevede un equo indennizzo a titolo di riconoscimento

Riconoscere un equo indennizzo per il concessionario uscente, a carico di quello subentrante. È la novità contenuta nella proposta di legge, approvata dalla giunta regionale nell’ultima seduta, che ha lo scopo di aggiornare la legge regionale 31 del 2016 in materia di concessioni demaniali marittime. Per la discussione della pdl in Consiglio regionale, il presidente della giunta chiederà una procedura d’urgenza per arrivare il prima possibile all’adozione dell’atto.

Secondo il presidente della Regione e l’assessore a economia e turismo, la necessità di attualizzare ed adeguare la legge 31 la pdl è emersa soprattutto dopo la sentenza di fine aprile del Consiglio di Stato sulle concessioni balneari al 31 dicembre 2024.

Presidente e assessore ritengono che, in attesa di un atto o indicazione da parte del governo, che per ora non è arrivato, le modifiche proposte diventano necessarie per poter offrire ai Comuni e a tutti gli operatori toscani gli strumenti normativi e procedurali attualizzati e consentir loro di avere uno strumento efficace per difendersi dall’incertezza in cui si trovano.

L’elemento di novità della pdl, concludono presidente e assessore, è appunto la previsione del riconoscimento di un equo indennizzo per il concessionario uscente da parte del concessionario subentrante, contemperando così il principio di tutela della concorrenza con quello della salvaguardia degli investimenti effettuati dalle imprese già concessionarie. Inoltre la pdl prevede un criterio di premialità per la partecipazione di micro, piccole e medie imprese alle procedure di gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il controsoffitto crollato in Via Bruno Buozzi (le immagini)

A causa del crollo sgomberati 12 appartamenti nelle palazzine di Portoferraio

L’iniziativa, un van da street food in pineta al Volterraio

L'iniziativa di due giovani riesi. Non solo buon cibo ma anche un bel panorama