Portoferraio

La PEC che non t’aspetti (ricevuta da circa 40 famiglie)

Il comune scrive ai proprietari di case adiacenti Le Galeazze:" Occupazione illegittima"

Una raccomandata inaspettata è stata recapitata a circa 40 famiglie di Portoferraio, tutte residenti nell’area adiacente alle Galeazze, nel centro storico di Portoferraio. Il mittente è il comune, che ufficializzerebbe l’occupazione illegittima di una porzione degli appartamenti e fondi in questione. Questi sarebbero i fatti: i proprietari delle case costruite a fianco dell’ex mercato coperto “Le Galeazze” appunto, loro o chi era proprietario prima di loro, avrebbero illegittimamente attaccato l’abitazione o fondo, al muro della struttura delle Galeazze, occupando un “vuoto strutturale” . In poche parole, oggi l’appartamento è attaccato alla struttura portante dell’edificio, del quale una piccola porzione insisterebbe in quel vuoto strutturale ” DA DIMOSTRARE” del quale comune rivangherebbe la proprietà. Il comune chiederebbe di ripristinare il vecchio, pena il rischio dell’inagibilità dell’immobile in quanto perderebbe i requisiti attuali. In fase di contraddittorio L’ente comunale avrebbe proposto verbalmente il rilascio di una concessione del demanio comunale ad uso esclusivo per 99 anni pagando un prezzo da concordare. Questo comporterebbe l’aggiornamento planimetrico di tutte le abitazioni per non parlare di tutti gli atti precedentemente rogitati che farebbero da detonatore per una serie imprecisata di cause civili. Insomma l’oggetto del contendere è complicato. Sembrerebbe che il catasto Leopoldino dell’Isola D’Elba risale al 1840, ma già in una rappresentazione di metà del settecento si evidenziavano le costruzioni attigue alle Galeazze, così come il nuovo catasto, che risale al 1939. Per completezza, ricordiamo che il comune ha acquisito nell’anno 2015 dal demanio l’arsenale delle Galeazze con una domanda protocollata e datata 28 Novembre 2013. Sembra infine che nessuno è più riuscito ad ottenere risposte o comunque appuntamenti per cercare di capire come eventualmente risolvere la problematica che si è venuta a creare. “Nessuna risposta a PEC o Mail” .

8 risposte a “La PEC che non t’aspetti (ricevuta da circa 40 famiglie)

  1. Valerio Morelli Rispondi

    Io ho fatto diverse verifiche e misurazioni direttamente sui siti della PA, del demanio e catasto, oltre che sul posto e non ho ravvisato nessuna occupazione illecita.
    Il comune ha rilasciato atti, permessi, condoni, e non ha mai messo in dubbio nulla. Anche il progetto di riqualificazione del 2021 che si trova anche in rete non evidenzia nulla del genere ma mette il tratteggio del confine nella mezzeria del muro a comune con le abitazioniblimitrofe. L’arsenale è del 1500, ho trovato due dipinti d’epoca che ritraggono gli edifici addossati da centinaia di anni e trovo tutta la questione al limite del grottesco. Però posso anche sbagliare, come del resto può sbagliare il comune. Vedremo come finirà

    25 Maggio 2024 alle 14:38

  2. matteo Rispondi

    Siete vergognosi..
    Uno mette un commento e dal momento che si parla di comune e ufficio tecnico cancellate il post…
    SIAMO IN UN PAESE DEMOCTRATICO….
    NON CI DOVREBBE ESSERE DITTATURA… O SBAGLIO?

    24 Maggio 2024 alle 19:38

    • Paolo Chillè Rispondi

      Non offendere prego

      24 Maggio 2024 alle 20:24

    • Paolo Chillè Rispondi

      Sia più educato

      24 Maggio 2024 alle 20:25

    • Matteo Rispondi

      Non vorrei fare polemica ma il post non era stato pubblicato.
      Se si è sentito offeso Le faccio le mie scuse.
      Non sapevo fosse Lei il responsabile di Elbapress.
      Lei da voce alle persone!
      Spero possa accettare le mie scuse.

      25 Maggio 2024 alle 16:47

      • Paolo Chillè Rispondi

        Nessun problema Matteo . Se non era stato pubblicato un motivo ci doveva essere. Ma ci siamo chiariti. Un abbraccio, continua a leggerci e scriverci. Grazie

        25 Maggio 2024 alle 18:41

  3. Matteo Rispondi

    È da pazzi svegliarsi dopo tanti anni e dire signori avete fatto un illecito… (Da verificare) Mi risulta con condono su almeno un immobile approvato dal comune anni fa! L’ufficio tecnico non si era reso conto di questi illeciti ? Mi chiedo se sia normale tutto questo.
    Numerose famiglie si trovano oggi a dover affrontare tutto questo e l’ ufficio tecnico barricato che non risponde… Qui ci vuole le Iene e striscia tanto il comune di Portoferraio è abituato!
    Che vergogna!

    24 Maggio 2024 alle 18:42

  4. Isolato Rispondi

    Io credo sia corretto chiarire, ma il problema non riguarda solo le galeazze. Anche le mura di calata sono pubbliche e costituiscono spazio di negozi e appartamenti! Anche lì devono essere fatti accertamenti

    24 Maggio 2024 alle 16:35

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *