Il solstizio d’estate e il mistero dei megaliti elbani

Giovedì 20 giugno a Pietra Murata con l'archeo-astronoma Tatiana Melaragni

Giovedì 20 giugno a Pietra Murata con l’archeo-astronoma Tatiana Melaragni che spiegherà le affascinanti correlazioni tra megalitismo e osservazioni astronomiche.

Quando il sole raggiunge lo zenit, illuminando la terra con la sua luce più calda e radiosa, è il solstizio d’estate: grande evento astronomico che segna l’inizio ufficiale della stagione estiva nell’emisfero boreale.

In questo giorno magico la natura si risveglia completamente, i campi si vestono di verde smeraldo e i frutti iniziano a maturare.

Per celebrare la ricorrenza, il Circolo Culturale Le Macinelle e Another Elba Tours propongono una camminata lungo il sentiero che conduce a Pietra Murata immersi nella bellezza di un sito incantevole e incantato.

Ad accompagnare la comitiva alla scoperta delle antiche civiltà che hanno lasciato il loro segno in questa parte dell’isola, saranno Valerie Pizzera (guida ambientale e turistica di Anotherelba) e Paolo Nannini (esperto di megalitismo).

Il momento clou della giornata sarà l’incontro con la dottoressa Tatiana Melaragni, archeologa ed esperta di archeoastronomia, che spiegherà le affascinanti correlazioni tra megalitismo e osservazioni astronomiche nelle epoche protostoriche.

L’archeoastronomia è una disciplina relativamente giovane, ma di grande importanza per lo studio del paesaggio e dei siti eneolitici, di cui questa zona dell’isola d’Elba è ricca.

Ad affiancare l’ archeologa Tatiana Melaragni nella ricerca di connessioni tra megalitismo e costellazioni ci sarà anche Angelo Lello Tranchida, fondatore del Gruppo Astrofili di San Piero ed infaticabile organizzatore  di serate sotto le stelle..

Poi, verso l’ora del tramonto, Francesca Ria reciterà frammenti poetici, dando spazio alle emozioni e regalando al pubblico un viaggio immaginario tra parole e suggestioni, mentre le espressioni sciamaniche di Silvia Maggini saranno il varco per entrare in contatto con la parte più profonda e spirituale di noi stessi.

Concluderà le celebrazioni un brindisi all’estate, degustando un calice di Ansonica dell’Elba, un vino prelibato prodotto da Guido Allori.

Sarà un momento di convivialità e condivisione per festeggiare insieme la bellezza della natura e l’arrivo della stagione più calda dell’anno, riscoprire le nostre profonde radici, festeggiare l’estate e, metaforicamente, la vita.

Sono stati pensati due percorsi per immergersi completamente nella magia del solstizio, potrete dunque scegliere tra due diverse modalità di arrivo a Pietra Murata:

* Percorso trekking • dalle 14,30

Un anello di difficoltà media che toccherà Masso alla Quata per chi desidera immergersi completamente nella bellezza del paesaggio boschivo

* Percorso breve • dalle 16,30

Un sentiero facile e breve, adatto a tutti, ideale per chi desidera godersi una passeggiata piacevole e rilassante a ritmo lento.

Per entrambe le opzioni l’appuntamento è al bivio con il sentiero n. 111, sulla strada provinciale 37 del monte Perone, 15 minuti prima della partenza per le iscrizioni.

Il Solstizio d’Estate è un momento  astrale di grande energia e positività, quindi è un’importante occasione per connettersi con la natura.

Il contributo di 10 euro a persona ci permetterà di sostenere i costi di questo evento, un piccolo aiuto per l’impegno organizzativo e culturale.

È richiesta la prenotazione a:

Le Macinelle +39 333 478 3595

bluelba@gmail.com

Anotherelba +39 346 490 4719

anotherfirenze@gmail.com

Photocredit immagine di copertina: Maria Gabriella Bassani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

L’intervista ai monumenti verdi di Portoferraio

di Istituto Comprensivo "Pertini" di Portoferraio

I giochi de “Il LUDOBUS della Maremma” tornano all’Elba

Nei giorni 22 e 23 giugno a Pomonte e a Marciana. L'iniziativa della Proloco di Marciana

Attenti alla tartaruga! La formazione e l’informazione

Il 16 giugno a Mola si impara a riconoscere tracce e nidi delle tartarughe marine