/ le foto

Restituito alla città il Teatro dei Vigilanti – Renato Cioni

Scoperte pitture murali napoleoniche sconosciute. La consistenza dei lavori fatti

E’ di nuovo aperto al pubblico il Teatro dei Vigilanti- Renato Cioni, restituito alla città in veste rinnovata dopo un importante intervento di restauro, riqualificazione ed efficientamento energetico durato 17 mesi. Un intervento particolarmente importante non solo perché ha restituito alla struttura il suo originale splendore. ma anche perché ha permesso di scoprire nei palchi nuove pitture murali di probabile epoca napoleonica di cui non si conosceva l’esistenza. Il taglio del nastro è stato effettuato oggi a mezzogiorno dal Sindaco Angelo Zini e dall’assessore alla cultura Nadia Mazzei alla presenza delle principali autorità locali. Presente, insieme all’allora assessore alla cultura Massimo Scelza, anche l’ex sindaco Giovanni Fratini sotto la cui consiliatura il teatro tornò riapri al pubblico nellì’ormai lontano 1997.
“L’opera di restauro – ha spiegato l’Arch. Elisabetta Coltelli, progettista delle opere architettoniche e direttore dei lavori illustrando le lavorazioni effettuate – ha permesso di restituire alla comunità un luogo che è stato centro di cultura e aggregazione per oltre due secoli. I lavori, del costo complessivo di 1.735.215,50 euro, sono stati finanziati per 1.549.190,08 euro con fondi PNRR e per il resto con fondi propri dell’Ente. Crediamo che quest’opera possa portare valore aggiunto alla città ed alla sua offerta turistica”
I LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE IN DETTAGLIO
Antico luogo di aggregazione, il teatro rappresenta un elemento identitario della città, per la sua valenza storico-architettonica e culturale. Il precario stato di conservazione rischiava di impedirne la fruizione in sicurezza. Per questo motivo si è optato per un restauro che interessasse il teatro nel suo complesso.
In occasione dei lavori, di particolare rilievo è stata la scoperta di una serie di pitture murali di probabile epoca napoleonica, all’interno dei palchetti del teatro. Il loro ritrovamento e restauro consente una migliore rilettura storica del monumento, importante testimonianza del periodo dell’esilio all’Elba dell’imperatore francese. Le lavorazioni hanno consentito anche di riportare alla luce le cornicine dorate dei vari ordini dei palchetti. Il restauro è stato esteso al rosone di copertura che ora può essere ammirato nella sua originale brillantezza.
Tra gli interventi più significativi spiccano la riapertura dell’originario collegamento tra il palco e la platea, il rifacimento degli intonaci e la tinteggiatura sia interna che delle e facciate, la sostituzione degli infissi esterni, il rifacimento dei manti di copertura, il parziale rifacimento dell’impianto elettrico e dell’impianto antincendio, la realizzazione della rete internet e di impianti antintrusione e video sorveglianza, la sostituzione delle poltroncine della platea, della tappezzeria e dei tendaggi del boccascena gravemente usurati. I lavori prevedono, inoltre, il rifacimento dei sottoservizi e della pavimentazione dell’adiacente gradinata del Forte Falcone, con il ripristino del basolato originale, ed il completamento delle parti mancanti in “battuto di calce”, tipologia tipica della città antica.
LA STORIA DEL TEATRO
Nella prima metà del XVII secolo il Governatore di Portoferraio Orazio Borbone Marchese di Sorbello fece erigere, a sue spese, nel luogo dove si trova la struttura, una cappella a forma ottagonale, per accogliere la sua sepoltura.
Nel 1714 in nuovo Governatore di Portoferraio Girolamo Piccolini fece demolire la cappella e iniziò i lavori per la costruzione di una nuova chiesa a pianta a croce greca terminata nel 1718.La nuova costruzione prese il nome di Chiesa del Carmine, in seguito spogliata dei pregevoli arredi e adibita a semplice magazzino militare. La chiesa da tempo sconsacrata rimase a uso militare con funzione di magazzino fino al 1814quando Napoleone Bonaparte, giunse all’Elba e propose la realizzazione all’interno dell’edificio di un piccolo teatro. Il progetto fu affidato all’architetto Bargigli, che progettò una platea a ferro di cavallo con 65 palchetti, distinti in 4 ordini sormontati da un loggione, con 16 palchi di prim’ordine. I lavori iniziarono nel luglio 1814. Come richiesto dall’Imperatore, i rappresentanti delle più importanti famiglie della città, crearono ben presto un’accademia, detta “dei Fortunati”, per la gestione della struttura. Durante la realizzazione, si accorsero, però, che le risorse dell’Accademia non erano sufficienti alla prosecuzione i lavori . Decisero così di vendere all’asta i palchetti dando il diritto di prelazione agli stessi accademici ed alle autorità cittadine.
Nell’agosto 1814 Vincenzo Antonio Revelli, pittore piemontese, chiamato da Napoleone per decorare le proprie dimore di San Martino e Villa dei Mulini, fu incaricato di eseguire il pregevole sipario, mentre per gli ornati e stucchi fu incaricato l’artista livornese Compormi. L’inaugurazione del teatro avvenne il 24 gennaio 1815 con un solenne ricevimento al quale parteciparono la madre di Napoleone Lucrezia Ramolino e la sorella paolina. Il teatro diretto dall’Accademia dei Fortunati, che prese il nome dei Vigilanti, continuò le rappresentazioni anche dopo la partenza di Napoleone avvenuta il 25 febbraio 1815. Nel 1922 il teatro, che si trovava in precarie condizioni è stato oggetto di un intervento di ristrutturazione terminato il 4 aprile del 1923, che probabilmente ha modificarono gli stucchi, i decori.
Il 20 febbraio 1937, l’Accademia affidò la gestione al Sig. Baldasserini per trasformarlo in Cinema – Teatro, che fu inaugurato il 9 ottobre 1937 e rimase aperto fino al 6 gennaio 1952, quando ci fu la definitiva chiusura. Nel 1974 il teatro fu acquistato dal Comune di Portoferraio. Nel 1979 ebbero inizio i lavori di ristrutturazione e restauro dell’immobile, con importanti interventi realizzati in cemento armato sulle strutture portanti del monumento, gravemente degradate per il prolungato abbandono del Teatro, che si conclusero nel 1997.

Una risposta a “Restituito alla città il Teatro dei Vigilanti – Renato Cioni

  1. Bruno Rispondi

    Complimenti ⚘️ ⚘️ ⚘️

    19 Maggio 2024 alle 13:08

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il saluto del sindaco Nocentini a Don Antonio Mazzi

L'evento della Fondazione Exodus. Don Antonio ha battezzato la figlia di due educatori

Zini: “Il ripascimento l’abbiamo progettato e finanziato noi”

L'ex sindaco: "La ditta ha dovuto posticipare l'intervento per impegni già assunti"

Ripascimento delle spiagge di Scaglieri e della Biodola

Il sindaco: "Tempi dipesi da nostri predecessori, lo chiedono a gran voce gli operatori"