All’Open Air Museum i disegni del concorso Banca dell’Elba

E’ un anno importante il 2024 per il Museo Open Air fondato da Italo Bolano nel 1964: 60 anni di vita che, ci tiene a precisare la Presidente della Fondazione realizzata a nome dell’Artista: “Non è un traguardo, quello dei 60 anni di vita, dice Alessandra Ribaldone, ma un nuovo punto di partenza, un nuovo inizio verso una svolta destinata a realizzare il progetto di ristrutturazione urbanistica che porterà il Museo elbano di arte contemporanea, unico nel suo genere in Provincia di Livorno, a realizzare una casa della cultura sull’Isola, aperta alle arti, ponte di collegamento culturale verso il continente per chi vuole dedicarsi alla cultura, fare cultura, coltivare cultura, un luogo di accoglienza del bello soprattutto per i giovani di oggi e di domani, senza dimenticare i giovani di ieri che oggi, nella maturità, aspirano a mantenere vivi interessi di vario genere. Perché, come diceva Italo, l’Arte è vita della Vita”.

L’apertura del 2024 è dedicata quindi ai più piccoli abitanti dell’Isola, ai bimbi che hanno partecipato con i loro disegni al concorso che la BCC Banca dell’Elba indice puntualmente ogni anno per selezionare 12 lavori che vengono pubblicati in un calendario, in realtà il “pretesto” per stimolare le giovani generazioni ad affrontare e riflettere su temi di grande importanza.

Per il calendario 2024 il tema era “Basta sprechi”, particolarmente significativo e di forte attualità. Stimolati e coordinati da insegnanti di grande preparazione i bimbi delle scuole primarie dell’Elba hanno prodotto oltre 400 disegni che sono esposti nella galleria del Museo Bolano per tutto il mese di maggio, fino a sabato 8 giugno.

Sono quindi invitati tutti gli alunni delle scuole primarie di PORTOFERRAIO, San Rocco, Casa del Duca, Cesare Battisti, dell’Istituto Comprensivo Sandro Pertini, di CAPOLIVERI Edmondo De Amicis, di CAMPO NELL’ELBA G.Giusti, di RIO G. Marconi, di MARCIANA MARINA che hanno partecipato con i loro insegnanti.

L’invito è naturalmente esteso alle famiglie e tutti le potranno visitare negli orari indicati in fondo al testo.

Dal Primo di Giugno il Museo apre le sue porta anche a visite serali, tutti i giovedì con orario continuato fino alle 23 per ammirare i monumenti e le installazioni in vetro dallas con illuminazione artistica.

Ringraziamo il Presidente della BCC, Luca Bartolini che ha aderito con piacere all’iniziativa e al personale della Direzione che ha collaborato nell’organizzazione.

 

A questi disegni abbiamo voluto affiancare gli elaborati degli alunni delle due classi della Scuola Media Giovanni Pascoli, la IIB e la IIE, Istituto Comprensivo Sandro Pertini di Portoferraio, che sono venuti in visita al Museo nell’ottobre dello scorso anno e che, guidati dai loro insegnanti d’Arte, hanno rappresentato le opere del Museo che più li hanno colpiti.

 

Con questa mostra la Fondazione desidera rendere omaggio a tutti i giovani abitanti di quest’Isola che Italo Bolano ha rappresentato con infinito amore nelle sue opere, in una storia lunga quanto una vita, “un sodalizio incorruttibile, tra Italo e la “sua” Elba, donna-isola e madre misteriosa, che ha visto nascere un museo che accoglie il pubblico con un parco di 10.000 mq di piante mediterranee e 30 monumenti realizzati dall’artista nell’arco della sua vita”.

Trascorrere qui del tempo è creare spazio per incontrare e incontrarsi.

Vi aspettiamo per continuare a vivere e a costruire insieme questo grande sogno!”

 

Orari di apertura fino al 31 MAGGIO: lunedì h 14-20 / da martedì a sabato h 10-14 e 16-20 /

domenica h 10-14.

Dall’1 Giugno come sopra ma il giovedì aperto fino alle 23.

 

Chiuso lunedì mattina e domenica pomeriggio. Info 338 6996406 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Continuità territoriale, la Toremar rinuncia al bando?

I marittimi: "Onorato potrebbe non partecipare se le condizioni permangono negative"