Padiglione dei Mulini, ostacoli di degrado vs. il Turismo

lettera firmata

Riceviamo e pubblichiamo integralmente

Portoferraio, la via storica “ Padiglione Mulini,“ che dista appena mt. 17 dall’ingresso della villa Napoleonica, ancora oggi oltre a non essere praticabile al Visitatore come ben evidenziato dalla fatiscente entrata, è priva di indicazioni e quindi non è neanche comprensibile l’importanza accertata che si cela in questa via. Di fatto, la via Padiglione Mulini per il suo contributo, è stata complementare al procedimento storico delle circostanze avvenute con l’arrivo a Portoferraio dell’Imperatore Napoleone. La via era la residenza degli Ufficiali Militari di maggior prestigio e affidabilità, che garantivano grazie alla Loro prontezza d’azione, la sicurezza dell’Imperatore. Praticamente delle guardie del corpo fedeli e onnipresenti giorno e notte. Ma quello che ci interessa adesso sono le novità e quindi la segnalazione riguarda come da foto, il “ quadro “ ventennale dell’impalcatura con tubazioni finemente rugginose e con i pannelli lamellari marci, il tutto arricchito con una nuova e stupenda buca circolare al lato della strada, con tanto di esalazioni fognanti e relativi insetti. Per evidenziare un punto di modernità, è stato aggiunto al quadro, un lucente palo per la segnaletica stradale. In tutti questi anni, lo scenario di buche, rattoppi, fetidi miasmi e lavori malfatti alle bellezze storiche, è stato denunciato già molte volte, ma quelli che rappresentano i ciarlieri del turismo, quelli che maneggiano il denaro proveniente dalla tassazione sui turisti e tutti gli altri responsabili, non sono mai intervenuti a dare il proprio contributo fattivo o anche un semplice aiuto per rafforzare le denunce espresse dai semplici Cittadini. Ricordo, che ogni anno sono più di trentamila i visitatori della Villa Napoleonica, che devono purtroppo percorrere le strade disastrate e senza servizi di Portoferraio. Non aggiungo altro. ( per ora )

Giancarlo Amore

p.s.: guardate la foto per intero…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati