Il coraggio di Franco Di Mare, amico dell’isola d’Elba

di Jacopo Bononi-presidente premio letteraro La Tore

Un pensiero affettuoso prima ancora che di stima va a Franco Di Mare che in una bellissima intervista da Fabio Fazio, per presentare il suo ultimo libro, ha avuto un grande coraggio e lontano da toni melodrammatici ha parlato della terribile malattia che lo sta affliggendo, causata da una esposizione all’amianto durante il periodo di inviato di guerra. La fierezza e l’eleganza con le quali ha trattato in telvisione un argomento così intimo e delicato, oltre che tragico mi ha fatto ricordare l’eleganza, appunto, del suo tratto: perché Franco è un uomo simpaticamente napoletano sì, ma con uno stile e un ‘aplomb’ tutto suo. Lo ricordo in giardino in hotel conversare amabilmente con mio padre e con gli amici del Comitato d’Onore, che sarebbero poi divenuti da li a poco suoi ‘colleghi’ nel Comitato del premio. Come pure mi sovviene una cena tra le più simpatiche che ricordi, legate al nostro riconoscimento, al ristorante Rendez-Vous della Marina nel 2011 quando, a proposito della sua simpatia, fece una ‘challenge’ di barzellette, insieme con l’amico Vincenzo Piantoni e il compianto suo grande amico Giorgio Faletti che volle partecipare al rinfresco in hotel in suo onore, il quale aveva vinto il nostro riconoscimento cinque anni prima. Fu una serata deliziosa e confidenziale, molto divertente e che Franco di certo ricorda con piacere. La sua biografia è notissima. Giornalista e conduttore televisivo è entrato in Rai nel 1991, dove al TG2 si è occupato di cronaca, ed è stato inviato nei Balcani nel periodo del conflitto, in Africa e in America centrale. Giornalista di politica internazionale, nel 2002 è passato al TG1 dove è stato inviato tra l’altro della guerra in Afghanistan ed in Iraq. Dal 2003 inizia la sua carriera di conduttore televisivo, soprattutto nel programma ‘Unomattina’, che ha lasciato nella stagione 2013-14 per la trasmissione pomeridiana ‘La Vita in diretta’. Nel 2014 ha anche condotto il programma ‘Leader femminile Singolare’ e nel 2016 il nuovo format televisivo ‘Frontiere’. Nel 2019 è stato nominato vicedirettore di Rai Uno, con delega ad approfondimenti ed inchieste e nel 2020 direttore generale del day time della Rai. Dallo stesso anno al 2022 è stato direttore di Rai Tre. Per la sua attività giornalistica ha ricevuto diversi riconoscimenti oltre al nostro, tra cui: due Oscar della Televisione, il premio Giornalista dell’anno, il premio Ilaria Alpi. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo  ‘Il cecchino e la bambina. Emozioni e ricordi di un inviato di guerra’, 2009; ‘Non chiedere perché’, 2011; ‘Il paradiso dei diavoli’, 2012 e molti altri ancora. Del suo ultimo libro ‘Le parole per dirlo. La guerra fuori e dentro di noi’, pubblicato poche settimane fa da SEM, leggiamo: ‘La guerra è la malattia del mondo. Appena scoppia, è causa immediata di dolori infiniti, disastri, morte. Ma le guerre continuano a mietere vittime anche dopo che finiscono. Ne è un tragico esempio la “Sindrome dei Balcani”, la lunga serie di malattie provocate dall’esposizione ai proiettili con uranio impoverito o dall’inalazione di particelle d’amianto rilasciate nell’aria in seguito alla distruzione di palazzi e complessi industriali. È accaduto durante i conflitti esplosi in ex Jugoslavia e Kosovo: piccole particelle infinitesimali, invisibili agli occhi, che una volta entrate nel corpo di soldati, civili e persino reporter non lasciano scampo. A distanza di molti anni si ripresentano quasi fossero un prolungamento dell’orrore bellico, e colpiscono. Proprio come è successo all’autore del libro che stringete tra le mani. In questo breve ma densissimo volume Franco Di Mare passa in rassegna parole-chiave quali “assenza”, “memoria”, “resilienza”, “amore”, “storia”. E nel farlo affianca alle riflessioni la potenza del racconto, nutrito dalle emblematiche vicende a cui ha assistito sul campo nei tanti anni da inviato: vicende che lo hanno segnato e adesso riecheggiano nella battaglia contro il male dentro di lui. “Le parole per dirlo” raccoglie il vissuto di chi ha attraversato la Storia mentre questa scriveva le sue pagine più dure. Ma è anche il diario di bordo di una vita costellata di incontri esemplari, capaci di urlare il loro sdegno per la guerra e restituire il senso più profondo dell’amicizia, dell’affetto e della solidarietà tra esseri umani.’ Il nostro pensiero, mio e di Franco Semeraro e di tutti i membri del Comitato, prima di suoi Amici e poi di suoi estimatori, gli arrivi nel Cuore come egli ha saputo in quei giorni, durante la serata della premiazione e per tutti questi anni riempire i nostri con la sua simpatia, la sua empatia e la sua grande sensibilità di uomo di cultura.

 

Jacopo Bononi-presidente premio letteraro La Tore

9 risposte a “Il coraggio di Franco Di Mare, amico dell’isola d’Elba

  1. Patrizia Cucca Rispondi

    Grazie Jacopo. Hai saputo ritrarlo per come Franco di Mare era realmente: un professionista di altissimo profilo, un uomo di grande cultura, un fine scrittore, un gentleman nella vita come nel lavoro, un padre meraviglioso. Difficile dimenticarlo.
    Fortunata l’Elba per le tracce anche da lui lasciate ad arricchire il patrimonio di cultura e bellezza della nostra isola.

    27 Maggio 2024 alle 22:15

  2. Mariantonietta Guacci Rispondi

    Un grande giornalista serio garbato elegante umano, ti ho sempre seguito nelle tue varie trasmissioni ,uomo di grande valore .Spero che tu possa stare meglio.Un abbraccio.Mariantonietta Guacci.

    1 Maggio 2024 alle 20:14

  3. Sandro Gambini Rispondi

    Il piacere di averti conosciuto,prima da un amico che ti faceva i vestiti,poi di averti incontrato nella mia Capoliveri.
    Sei un galantuomo di altri tempi. Ti abbraccio forte

    1 Maggio 2024 alle 9:34

  4. Luigi Rispondi

    FRANCO, scusa semi permetto,ma non scordo l’incontro discreto,senza essere inopportuno,a Capoliveri, a pochi metri dal tuo Amico Faletti. Ciao sempre con noi Luigi e Liliana.

    30 Aprile 2024 alle 13:28

  5. Franca Zoli Rispondi

    Ho seguito le tue tras.issioni, mi alzavo prima per ascoltare Uno Mattina e poi ho segugio le puntate di Frontiere. Sei un grande giornalista, ricco di umanità, mi manca sentire le tue riflessioni…ti sono vicina in questo periodo di malattia, nella mia preghiera serale per gli amici ammalati aggiungerò il tuo nome. Un abbraccio. Franca Zoli

    30 Aprile 2024 alle 11:00

  6. miriam Rispondi

    Un grande giornalista e scrittore Franco di Mare che e’ entrato nelle case degli italiani con gentilezza e simpatia , ricco di sensibilita’ e grande cultura.
    Lo voglio ringraziare anche per il suo grande amore per l’ Isola d’Elba, la mia isola , divenuta anche sua. Grazie Franco!!!

    30 Aprile 2024 alle 10:09

  7. Massimo Manobianco Rispondi

    Dietro ad ogni uomo di grande cultura c’è un mondo che è sconosciuto ai più e che diventa ricchezza per pochi, solo per coloro che hanno la fortuna e l’occasione di poter entrare in quegli spazi nascosti, privati, che contengono le espressioni dell’anima e che sono la parte piu’ vera dell’uomo, la sua essenza piu’ rappresentativa. Non conoscevo la sua storia ma solo l’immagine superficiale trasmessa da una televisione che ho smesso di vedere ormai da anni. Leggerò volentieri il suo libro appena uscito.

    30 Aprile 2024 alle 9:11

  8. Gian Carlo Politi Rispondi

    Caro Franco.
    La gente ti vuole bene e prega per la tua salute

    30 Aprile 2024 alle 8:59

    • Mariantonietta Rispondi

      Ti ho sempre seguito nelle tue varie trasmissioni uomo garbato preparato elegante gentile umano grande professionista ,spero tu possa stare meglio….leggero’ di sicuro il tuo libro.Mariantonietta Guacci.

      1 Maggio 2024 alle 20:31

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Nuovi orari TPL e corse soppresse, intervenire subito

di Simone Barbi e Gabriella Allori

“Non posso commentare il post su Facebook del comune”

Perchè la limitazione ai commenti sul post del Teatro dei Vigilanti Renato Cioni?