/ GUARDA IL VIDEO

Escursionista salvato dall’elisoccorso a Montecristo

L'uomo trasportato in codice rosso all'ospedale di Grosseto. Il video dei soccorsi

Deve la vita ad uno straordinario intervento dell’elicottero Pegaso della base 118 di Grosseto un escursionista che si trovava nella giornata di domenica 14 aprile sull’isola di Montecristo.

Erano le 15,24 quando è arrivata la chiamata al numero unico per le emergenze: una persona che stava salendo su un sentiero verso il monastero di San Mamiliano, nella parte alta dell’isola, ha accusato un malore di probabile origine cardiaca, accasciandosi a terra.

Sono stati i Carabinieri forestali di stanza sull’isola e le guide ambientali che accompagnavano gli escursionisti a coordinare i soccorsi: in pochi minuti l’elicottero Pegaso 2 è partito da Grosseto ed è arrivato sul posto, verricellando dapprima i rianimatori a terra e poi restando in standby sull’isola in attesa. Una volta stabilizzato,  l’uomo – di cui non sono state rese note età e generalità – è stato issato a bordo dell’elicottero e portato in codice rosso all’ospedale di Grosseto,  dove gli sono state prestate le cure del caso.

La notizia è in aggiornamento

6 risposte a “Escursionista salvato dall’elisoccorso a Montecristo

  1. Cinzia Chiaramonti Rispondi

    Desidero esprimere la mia più sincera gratitudine per l’assistenza e il supporto straordinari che mi avete fornito durante l’escursione all’isola di Montecristo del 14 aprile 2024 .
    L’ eccezionale coordinamento tra le guide, i carabinieri e la fortunata presenza di un infermiere del 118 con dei medici che fortunosamente erano presenti nella nostra stessa escursione ha fatto la differenza.
    L’abilità e la prontezza con cui avete gestito la situazione è stata straordinaria. La collaborazione sinergica tra le varie figure coinvolte ha reso possibile un intervento rapido ed efficace, garantendo un trattamento tempestivo e appropriato senza il quale mio marito non avrebbe superato positivamente il brutto momento
    ora sta bene e stato dimesso dopo 8 giorni dall’ospedale di Grosseto grazie a tutti
    Vi ringrazio di cuore per aver dimostrato una straordinaria capacità di gestione delle emergenze, trasformando un momento di difficoltà in un’opportunità per mostrare la vostra professionalità e il vostro impegno. La vostra collaborazione e il vostro coordinamento sono stati esemplari e rimarranno sempre un ricordo positivo di questa esperienza.
    Ancora una volta, grazie di tutto il vostro supporto e di aver reso possibile un’escursione indimenticabile nonostante gli imprevisti
    cinzia chiaramonti

    26 Aprile 2024 alle 17:10

  2. Felice Rispondi

    Complimenti a tutto lo staff del Pegaso 2
    Una forte stretta di mano a tutti quanti .

    15 Aprile 2024 alle 19:12

  3. Giovanna Rispondi

    Il soccorso alpino è professionale, qualificato , bisognerebbe valorizzarlo di più

    15 Aprile 2024 alle 17:41

  4. Giusti Andrea Rispondi

    Senza alcune la presenza fortuita di alcuni sanitari in escursione, la prontezza di alcune Guide del Parco e soprattutto la presenza di un defibrillatore fornito dal Parco Nazionale…..il Signore infatuato sarebbe morto.

    Andrea Giusti
    Guida Parco

    15 Aprile 2024 alle 17:38

    • Paolo Chillè Rispondi

      Grazie della Precisazione Andrea. Purtroppo l’Asl non ha saputo darci alcuna indicazione

      16 Aprile 2024 alle 6:31

  5. Stefano Rispondi

    Queste sono le cose per le quali sono fiero di pagare le tasse ….
    Alla faccia di chi non le paga….

    15 Aprile 2024 alle 15:43

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Abusi edilizi a Nisportino, 64enne denunciata dai Carabinieri

L'accertamento dei Forestali dell'Arma del Nucleo “Parco” di Portoferraio. I particolari

Approvato il nuovo Regolamento del porto di Portoferraio

di Capitaneria di Porto - Guardia Costiera