/ PORTO AZZURRO

La casa vacanze all’Elba non c’è, turista truffato su internet

L'annuncio pubblicato da un 19enne poi sparito nel nulla. I consigli dell'Arma

I carabinieri della Stazione di Porto Azzurro, a seguito di specifiche indagini, sono riusciti a risalire all’identità di un presunto truffatore. Secondo la ricostruzione dei carabinieri un 19enne del napoletano avrebbe pubblicato su internet un annuncio, poi rivelatosi fittizio, nel quale proponeva l’affitto di un bellissimo appartamento a due passi dal mare, di fatto inesistente. Un turista fiorentino, aderendo all’annuncio, ben costruito e corredato di foto, aveva creduto di prenotare una casa per trascorrere qualche giorno di vacanza all’Elba. Dopo aver visto l’inserzione su internet, infatti, aveva contattato il presunto locatore per confermare la prenotazione versando un acconto di 300 euro mediante bonifico bancario, ma da quel momento in poi il fantomatico proprietario della casa era sparito nel nulla e vani sono stati i tentativi di contattare l’inserzionista per accordarsi sull’orario di arrivo e sulla consegna delle chiavi. Maturata la convinzione di essere stato raggirato, la vittima si è rivolta ai carabinieri di Porto Azzurro che hanno raccolto la sua denuncia ed hanno avviato una veloce attività investigativa, riuscendo ad identificare il presunto autore del raggiro, non nuovo a fatti del genere, che dovrà rispondere in stato di libertà del reato di truffa.

Il consiglio dell’Arma è sempre quello di essere prudenti sugli annunci online, tentare verifiche anche da remoto e propendere per modalità di pagamento che consentano una rapida soluzione di eventuali contenziosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Controlli dei NAS dei Carabinieri, sanzionati cinque locali

Gli interventi a Capoliveri, Portoferraio e Rio. Effettuati anche sequestri di alimenti

Parcheggio Capo Bianco: si chiude il processo , tutti assolti

Gli accusati erano Mauro Parigi, Giuliano Pardi e i coniugi Enrico Cioni e Raffaella Pucci

Capi d’abbigliamento contraffatti, sequestrati 5000 pezzi

Dalla Guardia di Finanza duro colpo ai fornitori. Valore commerciale circa 2 milioni