Marciana Marina, Campo e Portoferraio

“Libere di essere libere”, il grazie degli organizzatori

Grande partecipazione all'installazione artistica contro la violenza sulle donne

Sabato 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, sono state numerose le iniziative anche qui sulla nostra isola per ribadire l’impegno nella lotta contro ogni forma di discriminazione e di sopruso nei confronti delle donne.

L’installazione artistica itinerante “Libere di essere libere” ha coinvolto numerose piazze dell’Elba e guadagnato una grandissima partecipazione, segno che la questione della violenza di genere è un problema strutturale della nostra società, cui nessuno di noi può e deve restare indifferente, perché riguarda tutti: donne e uomini, di oggi e di domani, nel piccolo paese così come nella grande città, nessuno escluso.

70 farfalle rosse – simbolo delle tante donne vittime di femminicidi – hanno riempito la piazza e la chiesa di Marciana Marina, per poi consegnare il proprio messaggio al Municipio di Marina di Campo e posarsi poi nella sala della Gran Guardia di Portoferraio.

“Abbiamo realizzato l’installazione ‘Libere di essere libere’ affinché le nostre voci si unissero a quelle di tutte le persone che vogliono un presente e un futuro diverso” dicono gli organizzatori. “Educhiamoci al rispetto, educhiamoci alla libertà, educhiamoci al consenso. Facciamolo subito, facciamolo insieme. In questi giorni i complimenti ricevuti sono stati molti. Non sarebbe stato possibile senza la vostra calorosa partecipazione. Grazie per aver reso indimenticabile ogni secondo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Osservatorio, grande successo per la lotteria degli Astrofili

Raccolti oltre 1700 euro per la costruzione della cupola. Tutti i premi e i vincitori

L’Elba al salone dell’archeologia e turismo culturale

I Musei di Maremma e i Musei dell'Arcipelago Toscano insieme a TourismA

VI.VO., on line la pagina Facebook dedicata a Vincenzo Vozza

Nasce la scuola di balli latino- caraibici fondata dallo sfortunato ragazzo e a lui dedicata