Il video e l'intervista

“Canile, forse prima è necessaria una struttura sanitaria”

Il veterinario Michele Barsotti, "Urgono soluzioni per le emergenze notturne e festive"

Strettamente collegato alla reperibilità veterinaria h 24, che dovrebbe partire a gennaio 2024 all’Isola d’Elba, è la realizzazione del canile per cui sono previsti alcuni cambiamenti rispetto al progetto di qualche anno fa. I tempi si allungheranno ancora di più, secondo il veterinario Michele Barsotti, che suggerisce di come varrebbe la pena iniziare a parlare di che tipo di struttura l’Isola vorrebbe avere, se magari non sia più necessaria una struttura sanitaria che possa andare incontro al problema delle emergenze notturne e festive. “ Bisogna iniziare a porsi delle domande – esorta – ma soprattutto trovare soluzioni”.

Ecco l’intervista

4 risposte a ““Canile, forse prima è necessaria una struttura sanitaria”

  1. Gianluca Rispondi

    La mancanza della copertura di assistenza veterinaria 24ore all’Elba deve essere risolta. Oltre alla possibilità di salvare animali dei residenti in pericolo, deve essere anche un messaggio rassicurante per le migliaia di turisti che vengono in vacanza con i loro animali: le brutte storie delle morti di cani per la mancanza di un veterinario reperibile pubblicate su web hanno gettato discredito sull’Isola, in molti hanno cambiato la destinazione delle loro vacanze.

    2 Dicembre 2023 alle 17:58

  2. Gioia Rispondi

    I CANILI SANITARI ? PORTANO I CAGNOLONI IN VIVISEZIONE

    28 Novembre 2023 alle 19:32

  3. Elena Erro Rispondi

    La soluzione deve essere indirizzata esclusivamente alla reperibilità notturna e festiva delveterinario che deve prendersi cura in qualsiasi momento della notte e dei giorni festivi degli animali bisognosi. Non credo che all:isola d’elba di notte e nei giorni festivi si abbia bisogno di tanti veterinari poiché il numero degli animali da curare e salvare da morte certa sarebbe comunque esiguo rispetto al giorno. L’importante è sbrigarsi a concludere mi sembra ci sia troppa fuffa in merito alla questione e intanto gli animali ne subiscono le conseguenze. Di che stiamo parlando. Del niente

    28 Novembre 2023 alle 15:22

  4. Frei Rispondi

    …siamo ancora alle origini…nessuno fino ad ora ha mai pensato. ..,?
    ..peccato..sarebbero troppe le parole da scrivere ma, a buon intenditore, poche parole. !!! Chi di dovere si dia una mossa…!!!

    27 Novembre 2023 alle 20:22

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il workshop sul futuro della Grande Traversata Elbana

Legambiente: Un consorzio e un sistema per la governance del turismo lento all’Elba

Lacona, confermato, l’area di sosta per camper non si farà

Il Consiglio di Stato dà ragione al Parco. La zona sarà destinata al parco giochi