L'appello - le foto

Segugi smarriti a Colle Reciso, “cerchiamo i proprietari”

di Anmal Project Onlus

Nella giornata di giovedì 23 novembre sono stati trovati i due segugi ritratti in foto. Erano nel Comune di Portoferraio, nella strada militare di Colle Reciso un po’ prima del Mulino a Vento, strada che arriva fino ai Marmi.
Non hanno il microchip e sono due cani docili e mansueti.
Le persone che li hanno trovati non se la sono sentita di lasciarli liberi e se ne sono fatte carico, pur con molte difficoltà (hanno cani di proprietà e gatti).
Stiamo cercando i proprietari, ma questi cani sembrano apparsi dal nulla. Se non si riuscirà a trovare il proprietario finiranno in canile.
Se avete informazioni per favore contattateci al numero di Grazia 347/5951552.
Inoltre cerchiamo qualcuno che abbia la possibilità di aiutarci ospitandoli anche solo temporaneamente.
Una chiosa finale per chi ancora oggi sostiene che all’Elba non serve un canile e non ci sono cani vaganti: sarà forse perché il problema resta a carico dei volontari e delle persone di buon cuore?

Animal Project Onlus

3 risposte a “Segugi smarriti a Colle Reciso, “cerchiamo i proprietari”

  1. LILIANA DAVI Rispondi

    Condivido i precedenti commenti, nessuno si muove manifestando sensibilità per gli animali. Si certo ci sono le associazioni che lodevolmente se ne occupano ma dalla gente comune non c’è nessuna iniziativa per gli animali in difficoltà, abbandonati, maltrattati, uccisi.
    Siamo stati “creati” tutti assieme e l’essere umano dimostra crudeltà e indifferenza, non siamo certo esempi positivi. Se poi una persona adotta più animali sacrifocando viaggi e altro per il loro benessere, come nel mio caso, viene giudicata stupida e strana.

    27 Novembre 2023 alle 20:16

  2. Marisa Steinberger Rispondi

    Si fanno tante manifestazioni per umani e loro situazioni negative di tutti i tipi. Situazioni alle quali, in tanto che umani potrebbero sicuramente controllare ed evitare. Ancora non vedo manifestazioni in favore di animali. Siano selvatici, non prevedo una bella fine per i cuccioli dell’orsa abbattuta, e si poteva riciclare. Siano randagi o non protetti. L’animale oramai in Italia è la vittima di tutte le turbe dell’umano. Tutto quello che viene fatto è scrivere che succede. Chi, finalmente indira’ una manifestazione in favore di questi nostri fratelli? Qualcuno forse dimentica che siamo stati creati tutti assieme. Abito vicino a Venezia e se si tenesse nella mia zona, io con deambulatore, più i pelosi di casa, saremo davanti a tutti. Grazie per l’attenzione.
    Saluti cari
    Marisa Steinberger

    26 Novembre 2023 alle 8:04

  3. Maria Rosa Nannini Rispondi

    E’ vergognoso che all Elba non ci sia il Canile/gattile ed un. Servizio di veterinario 24ore o perlomeno la notte.spero che il turismo cambi strada.

    25 Novembre 2023 alle 23:10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Piano del Rischio Aeroportuale, al via le osservazioni

Il Piano è stato adottato, c'è tempo fino al 31 marzo. Le modalità di presentazione