,

Torna Aquamour, l’Arte per suscitare amore dell’acqua

di Fondazione Italo Bolano

Nel ricco panorama di eventi programmati per il mese di agosto all’Open Air Museum Italo Bolano  dal 4 all’8 agosto si svolgerà Aquamour, eventi  poli-artistici e multi-sensoriali sul tema dell’acqua usando varie espressioni artistiche per mobilitare artisti, cittadini e turisti, alla salvaguardia dell’acqua e la sua preziosità che quest’anno si rivolge soprattutto ai più giovani.

Aquamour è un film-documentario realizzato da Barbara Albasio e Stephane Madelin in un viaggio durato un anno intorno al mondo alla caccia di coraggiosi difensori dell’acqua, del mare e delle sue creature. Il film, presentato per la prima volta lo scorso anno al Museo, sta ottenendo molto successo e riconoscimenti: “Menzione onorabile” al festival IMEF in Canada, al “Aqua film festival” di Roma ed è stato selezionato per il “Forum Eau Energie et Territoire” in Francia. Aquamour è diventato un festival, con la prima edizione lo scorso anno all’Elba e quest’anno a Pléneuf-Val-André in Bretagna. Aquamour si è anche costituito in associazione internazionale e porta avanti la divulgazione della difesa dell’acqua.

Vediamo quindi in dettaglio gli eventi previsti.

Venerdì 4 agosto dalle 10 alle 14,30 si svolgerà il laboratorio didattico con i bimbi del Campo estivo “L’Onda” del Comune di Campo nell’Elba. Il campo estivo di quest’anno è stato incentrato sull’acqua, un primo interessante retaggio di Aquamour dello scorso anno, che ha avuto lo scopo proprio di attrarre l’attenzione dei bambini sull’acqua e sulla sua preziosità.

Sono stati programmati con la Fondazione Bolano tre incontri. Durante il primo, avvenuto nel mese di luglio, avevamo mostrato la Fontana del Museo “L’Onda”, opera di 13 metri in cemento armato e ceramica realizzata da Italo Bolano nel 1993, che non buttava più acqua e che necessitava di una importante manutenzione per attuare un prezioso riciclo dell’acqua. Ed è così che al nostro appello ha risposto una “fata turchina” che ha patrocinato il restauro. Venerdì i bimbi di Campo, in omaggio al nome del campo estivo scelto dagli organizzatori – i giovani della Cooperativa L.I.N.C. assieme alla Biblioteca di Campo – daranno il via simbolico all’acqua, che tornerà a zampillare dalle fessure create ad arte nel monumento, uno dei più arditi del Giardino. Saranno presenti i Messaggeri del Mare, Pierluigi Costa e Lionel Cardin, impegnati quest’anno in una missione per salvare i delfini delle Isole Faroer, che assegneranno ai bimbi i diplomi di “Piccoli messaggeri del mare”. Saranno presenti Magda – Scenografa polacca dell’opera e membro importantissimo dei Messaggeri del Mare – che ha fatto il bagno nel Mar Baltico, in Inverno, per la pace in Ucraina e Liana insegnante.

Verrà anche avviata un’opera collettiva: una rete disposta nel Giardino per catturare i messaggi dei visitatori sul tema dell’acqua che potranno essere scritti su forme in cartone colorato appositamente predisposte.

Sabato 5 agosto alle ore 18,00 Antonella Avataneo condurrà un Laboratorio di Mandala acquatici , disegni simbolici realizzati su ispirazione del mare e dell’acqua.Prenotarsi al 338 6996406,  è richiesto un contributo spese per il materiale di 10 Euro  persona.

Dopo una pausa spuntino – chi desidera fermarsi per la prosecuzione serale può portarlo con sé – alle ore 21,00 verrà presentato AQUAMOUR, una sintesi del film-documentario realizzato da Barbara Albasio e Stephane Madelin.

I due ideatori di Aquamour presenteranno le sequenze più belle del giro del mondo a tema acqua, il festival Elba dello scorso anno e quello di maggio in Bretagna nel quale si sono prodotti in performance a tema acquatico Eizo Sakata, Antonella Avataneo e altri artisti internazionali.

Gli eventi della serata proseguiranno poi con l’inaugurazione, nella galleria del Museo, delle esposizioni dei lavori creativi sul tema acqua realizzati dai bimbi del Campo estivo l’Onda di Marina di Campo e i bimbi dell’Oratorio di S. Giuseppe di Portoferraio, che hanno realizzato un laboratorio di disegno sugli animali marini realizzato al Museo da Francesca Groppelli.

Alle 21,30 vi sarà un doveroso ricordo del prof. Gianni Pavan, fondatore del Centro interdisciplinare di bioacustica e di ricerche ambientali all’Università di Pavia – Dipartimento di Scienze della Terra – e pioniere in questo campo, mediante il quale è oggi possibile censire gli animali marini, soprattutto i cetacei a rischio nei nostri mari.

Il ricercatore, recentemente e prematuramente scomparso, verrà ricordato dalla dott.sa Franca Zanichelli, già direttrice del Parco dell’Arcipelago Toscano , che ne illustrerà l’importanza nella ricerca marina e non solo.

Concluderà la serata un concerto di musica molto particolare, tenuto dall’artista francese Etienne Avronsart, appositamente giunto con i suoi strumenti dalla Francia. Etienne è inventore del delfinofono, uno  strumento per comunicare con i delfini ramita la musica. Sarà un viaggio sonoro con vari strumenti anche rari (didjeridoo di origine australiana) e immagini di delfini proiettate su schermo.

Infine ai partecipanti sarà offerto un brindisi con i vini messi a disposizione dello sponsor Italo Sapere della tenuta agricola Sapereta.

Gli eventi proseguiranno lunedì 7 agosto e ci torneremo prossimamente.

Tutti gli eventi sono a ingresso libero, tranne il laboratorio di Mandala, per il quale occorre una prenotazione – 3386996406.

E’ gradita una libera offerta a titolo di rimborso spese per gli artisti.

Vi aspettiamo al Museo Bolano per celebrare l’acqua. fonte primaria di vita, bene prezioso da tutelare e da non sprecare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

GEM Island Festival, l’isola d’Elba cocktail bar a cielo aperto

Dal 1 luglio al 31 agosto il festival diffuso che unisce enogastronomia ad arte e musica

Marciana Marina si propone come capitale culturale

di Jacopo Bononi, presidente Premio Letterario La Tore

Una mostra alla Gran Guardia per ricordare Flavia Gattoli

L'esposizione sarà inaugurata il 30 marzo alle ore 17 e resterà fino al 6 aprile