Portoferraio - Il video

Dal consiglio comunale gli aumenti di Imu e Irpef

Il sindaco:" Sono necessità di bilancio ma non si tratta di un salasso "

Fa discutere l’incremento sulle tariffe Imu e Irpef approvate dall’ultimo consiglio comunale di Portoferraio. Un adeguamento dell’aliquota ordinaria che si applica agli immobili ( ad esclusione della prima casa) , ferma da diversi anni come ha spiegato il sindaco Angelo Zini durante l’assemblea consiliare. Sono esenti dall’applicazione anche i cosiddetti immobili merce, i terreni agricoli, i fabbricati rurali ad usi strumentale. “Continuiamo a mantenere inalterata – ha aggiunto il sindaco – anche l’aliquota agevolata per le abitazioni concesse in locazione o in uso gratuito ai familiari in contratto di comodato”. Dal 9,8 per mille ora l’aliquota ordinaria Imu passa al 10,4 per mille. “Ancora inferiore al tetto massimo previsto dalla legge che è il 10,6” ha puntualizzato Zini che ha spiegato  come l’amministrazione ha ritenuto  necessario questo incremento, secondo una scelta fatta per adeguare le risorse di bilancio  alle maggiori spese, secondo scelte di natura politica intraprese. Tra queste l’incremento del personale grazie alle nuove assunzioni che in parte sono andate a coprire i pensionamenti o i trasferimenti ma che hanno comunque comportato un numero più alto di dipendenti della macchina comunale e quindi di spese. “Ci sono state 28 nuove assunzioni – ha spiegato –  che al netto delle persone che sono uscite dall’organico vede un saldo attivo di 10 unità nuove. E’ evidente che questo crea un appesantimento nella spesa”. Un incremento sostanziale di spese si è registrato anche nel sociale “inteso in senso lato” specifica il primo cittadino  riferendosi non solo ai sussidi ma ai servizi attivati  per questa attività. Si è reso necessario quindi per l’amministrazione adeguare le risorse comunali alle necessità di bilancio  aumentando Imu  e  addizionale Irpef. Portoferraio fino ad oggi ha avuto l’aliquota Imu più bassa dell’ territorio, che resta tale anche con questo incremento.   L’Irpef poi  passa dallo 0,7% allo 0,8 ma viene introdotta una soglia di esenzione nei redditi fino a 12 mila euro (più alta rispetto agli altri comuni dell’Elba). “E’ vero che proponiamo un aumento dei tributi – ha considerato Zini – ma non accettiamo l’affermazione che in  questo modo si applicherebbe un salasso a cittadini e  imprese. Non è questo lo scenario che si va a delineare”. Un aumento che comunque suscita polemiche anche da parte dall’associazione albergatori elbani che esprime la “propria contrarietà” a questi aumenti e invita l’amministrazione  a “valutare strade alternative  esistenti  per assicurare circa 600 mila euro alle casse comunali sottraendo risorse alla disastrata economia”. Critico anche il gruppo consiliare di minoranza “La forza del fare” con l’aumento di imposte che poterà nelle casse comunali circa mezzo milione di euro.

Guarda il video.

Una risposta a “Dal consiglio comunale gli aumenti di Imu e Irpef

  1. Patrizia Tognarini Rispondi

    Mentre il Comune di Portoferraio procede ad aumenti generalizzati dell’IMU, altri Comuni (es. Comune di San Vincenzo) applicano riduzioni relativamente a fabbricati di tipo abitativo concessi in locazione a cittadini residenti, con contratto di affitto a “canone libero”, debitamente registrato. Questo se da una parte comporta un “alleggerimento” delle tasse gravanti sugli immobili, dall’altra crea un incentivo a non tenere gli immobili sfitti a scapito dei residenti

    3 Agosto 2023 alle 7:55

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Sinistra Italiana – AVS e le elezioni all’isola d’Elba

di SINISTRA ITALIANA p. Circolo Isola d’Elba

Barbetti e Burelli completano la giunta di Tiziano Nocentini

All'ex sindaco di Capoliveri urbanistica edilizia privata, a Burelli la Pubblica Istruzione