Siccità, ASA: in arrivo abbassamenti di pressione dell’acqua

Il gestore del servizio idrico: possibili da oggi nelle ore di punta nelle zone collinari

Le presenze turistiche in Val di Cornia ed all’Isola d’Elba, complice un’estate molto calda, forse la più calda mai registrata ad oggi, fanno registrate consumi molto alti, come mai avvenuto precedentemente nel territorio.

La quasi assenza di pioggia degli ultimi mesi comporta una progressiva diminuzione della falda, se pur ancora leggermente superiore al valore minimo storico registrato nel 2012. Tale abbassamento causa l’avanzamento del cuneo salino, con conseguente peggioramento qualitativo delle acque emunte.

L’insieme di queste condizioni stanno creando difficoltà ad ASA nel garantire il servizio idrico, in quanto disponiamo di una produzione di acqua totale dei pozzi tendenzialmente inferiore al fabbisogno idrico della popolazione e in progressiva diminuzione quantitativa e qualitativa.

Negli ultimi anni ASA ha realizzato importanti investimenti sul territorio, come distrettualizzazioni, sostituzioni mirate di tubazioni e nuove stazioni di sollevamento. Queste azioni messe in campo dall’azienda hanno reso meno grave lo scenario che si sta verificando, che in base ai dati dispobili risulta il più critico di sempre. Nonostante la corretta e attenta gestione dell’acquedotto, grazie all’attività del telecontrollo e ai tecnici presenti sul territorio, stiamo riscontrando un incremento dei consumi notevole.

Da evidenziare come in questo contesto così critico, l’attività di potabilizzazione delle acque dall’arsenico e dal boro sta proseguendo come da programma, ma con quantitativi mai registrati che comportano un grosso stress per gli impianti e per i tecnici che li gestiscono.

Ogni piccolo guasto agli impianti o reti ASA o imprevisti come l’interruzione della fornitura elettrica da parte di Enel, può incidere negativamente sull’equilibrio che l’azienda sta mantendendo in termini di bilancio idrico, con conseguente utilizzo non programmato degli stoccaggi nei serbatoi, che stanno calando progressivamente.

Il guasto Enel del 9 agosto, risolto brillantemente dai tecnici Enel e che ASA coglie l’occasione di ringraziare, ha comportato comunque una perdita di produzione per alcune ore e quindi una diminuzione dei livelli dei serbatoi sia in Val di Cornia che all’Elba.

ASA nella notte tra il 9 e il 10 agosto ha predisposto l’installazione di alcuni generatori per limitare la mancata produzione in caso si verificasse di nuovo il problema, ma vista l’alta richiesta energetica degli impianti ASA, non potendo sostituirci del tutto al fornitore elettrico, tale intervento costituisce solo una parziale limitazione del rischio.

Per quanto sopra riportato, ASA informa che in Val di Cornia potrebbero verificarsi da oggi e fino al 23 agosto transitori abbassamenti della pressione dell’acqua nelle ore di maggior consumo (primo pomeriggio e sera) ai piani alti dei palazzi, mentre all’Isola d’Elba i disagi si verificheranno da oggi fino al 27 agosto nelle ore di maggior consumo (primo pomeriggio e sera) nelle zone collinari.

 

ASA garantisce la massima attenzione nella gestione del complesso e collegato sistema idrico Val di Cornia-Isola d’Elba e il ripristino in tempi celeri di qualsiasi anomalia, tuttavia ogni cittadino può dare il proprio contributo evitando gli sprechi della preziosa risorsa idrica e rispettando le ordinanze emesse dai Sindaci del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Intervento di ASA, stasera manca l’acqua a Capoliveri

Interessate Barabarca, Zuccale, Badisugarello, Stecchi, San Rocco e Madonnina. Gli orari

Marciana: dal 1 luglio esecutiva l’Ordinanza contro la siccità

Divieto su tutto il territorio di utilizzare acqua potabile per scopi non igienico-domestici

Assalto al porto di Piombino, è il primo caos della stagione

Code chilometriche per entrare e uscire dal porto, lunghe attese per chi aveva il biglietto