No al rigassificatore, manifestazione a Piombino

Sabato 18 giugno la protesta a terra in Piazza Bovio, ma anche in mare con le barche

Per la giornata di sabato 18 giugno il comitato del no al rigassificatore di Piombino  ha organizzato una manifestazione in mare davanti piazza Bovio. L’appuntamento è alle 10 e la partecipazione può essere in mare con la barca, ma anche a terra.

Intanto il presidente della Regione Giani ha convocato i sindaci dei comuni interessati a Firenze per avviare un confronto. E si moltiplicano le iniziative per dire no al progetto dell’impianto che è previsto a Piombino. Anche il Movimento 5 Stelle regionale si schiera contro il rigassificatore di Piombino e annuncia una mozione per chiedere al Consiglio regionale di esprimersi “contro l’opera, calata dall’alto, senza alcun tipo di interlocuzione con il territorio, e che presenta importanti criticità dal punto di vista ambientale e della sicurezza”. Alla conferenza stampa, organizzata dalle consigliere regionali del Movimento 5 Stelle Irene Galletti e Silvia Noferi, hanno partecipato anche i consiglieri comunali di Piombino Daniele Pasquinelli ed Emanuele Orlandini.

La mozione chiede alla Regione di attivarsi presso il Governo nazionale per scongiurare l’installazione di una nave gasiera all’interno del porto di Piombino, progetto che “metterebbe a rischio di incidente rilevante l’intera popolazione, sottoponendo inoltre l’ambiente marino-costiero a forme di inquinamento insostenibile per la vita della fauna e della flora locali”. “Non si può devastare un territorio calando dall’alto progetti di tale portata senza i dovuti approfondimenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

“Sono contro il rigassificatore e poi votano per il gas”

Legambiente: "Con il voto di oggi l'Europarlamento ha ceduto alle lobby del gas"

Goletta Verde: “No al rigassificatore di Piombino”

"Impensabile bloccare un porto turistico e industriale come quello di Piombino"

Protesta rigassificatore, c’era anche delegazione elbana

Centinaia di persone hanno assediato il Comune mentre Giani spiegava la situazione