Il Comune di Rio impiega chi prende reddito di cittadinanza

Individuati quattro indirizzi lavorativi per i cosiddetti PUC, Progetti Utili alla Collettività

Dal giorno 1° Aprile 2021 il Comune di Rio, unico tra tutti i comuni Elbani e fra i pochi di tutta la Toscana, impiega i percettori del Reddito di Cittadinanza in lavori socialmente utili, i cosiddetti PUC (Progetti Utili alla Collettività).
Sono stati individuati quattro indirizzi lavorativi, ognuno dei quali prevede l’inserimento di sei persone:

  • “Insieme per la scuola” che prevede la vigilanza ed il controllo all’entrata e all’uscita della scuola;
  • “Supporto per la manutenzione di spazi ed edifici pubblici comunali”;
  • “Stare insieme si può” che prevede il coinvolgimento dei beneficiari per fornire aiuto ed assistenza domestica;
  • “Cultura & Formazione” consistente nel supporto e nella realizzazione di tutte le iniziative socio-culturali ed artistiche del Comune.

Per questi servizi sono state impiegate inizialmente  14 persone, delle quali, successivamente, due hanno trovato un impiego fisso ed altre due un impiego stagionale.

Tali inserimenti sono stati coronati da successo, i percettori del Reddito di Cittadinanza hanno ritrovato nuova dignità nell’espletare questi compiti, con un riscontro molto positivo anche da parte delle persone che hanno usufruito del servizio, trovando solidarietà e comprensione.

E’,  inoltre,  iniziata una collaborazione con il Tribunale di Livorno per la “Messa alla prova”, per le persone in attesa di giudizio o comunque affidati ai servizi sociali, di cui abbiamo già avuto una prima esperienza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli correlati

Strada del Piano, i lavori sono stati aggiudicati alla Sales

Dalla Provincia la conferma che l’inizio dei lavori sarà ai primi di settembre

Mini Corso di Tiro con L’arco Storico il 5 agosto all’Anfiteatro

Organizzano gli Arcieri del Grande Falco. L'appuntamento dalle 21 alle 24

Iniziano i lavori della nuova Stazione dei Carabinieri

Pronta a febbraio 2023. Corsini: "Opera essenziale per il territorio, manteniamo impegni"